• Se eri al Bologna Pride con una maglietta a righe ho un messaggio per te

    Forse. Se sei la persona che Mirco sta cercando.

9 LUGLIO 2018
Cose extra

Adoro essere sensibile. È una di quelle cose che mi fa sentire connesso con la natura e tutto il creato, come quando le penne sono cotte al punto giusto o il mio cane mi dà la zampa senza ricattarlo con un chicco. Non succede spesso, di sentirmi sensibile, anzi vi confesso che a volte la natura e tutto il creato li brucerei senza guardarmi indietro, ma oggi lo sono. Ed è per questo che vorrei raccontarvi la commovente storia di Mirco.

Spero siate pronti a leggere una fusion tra Chi l’ha visto senza morti e Stranamore senza furgoncino. È una storia di orgoglio e di amore, di sguardi ricambiati e di bicchieri non bevuti e, soprattutto, è una storia che non ha ancora una fine. Dobbiamo trovarla noi, questa fine. Sigla.

Bologna Pride, 7 luglio 2018. Eravamo in settemila, è stato straordinario come al solito, perché quella del Pride è la più grande forma di Resistenza di questi tempi orrendi. A osservare la parata da sotto i portici bolognesi c’era anche Mirco. Mirco è un mio amico – in realtà non ci siamo mai visti, ma ci seguiamo a vicenda su Instagram, quindi immagino che siamo “amici di Instagram”, ecco, ed è proprio su questo social che mi ha inviato la sua accorata richiesta di aiuto.

Mirco è alto, magro magro, sulla trentina (ma ne dimostra meno, giuro), ha i capelli chiari, la maglia blu e i pantaloni corti di jeans. Non pubblicherò la sua foto, perché è così carino che sono sicuro che dopo mi scrivereste in massa solo per provarci con lui, ma noi non stiamo cercando un ragazzo qualsiasi. No: noi stiamo cercando il ragazzo con la maglietta a righe. È lui che Mirco stava osservando da sotto i portici, verso le 19: dall’altra parte della strada, insieme a un’amica, manifestava nel corteo di ritorno ai Giardini Margherita. Indossava, appunto, una maglietta a righe probabilmente gialle e blu, e un berretto bianco da marinaio o da imbianchino (la memoria di Mirco è senz’altro perfettibile). Sui vent’anni, magro, di altezza media.

A un certo punto, il ragazzo con la maglietta a righe ricambia lo sguardo di Mirco per qualche secondo. Sorridono. Sono troppo distanti per parlare, così il mio amico decide di dirgli un Ciao, col labiale, a cui l’altro immediatamente risponde con un altro Ciao muto. E poi il corteo procede, e i due si perdono di vista.

Il Pride non è solo un momento per manifestare. Rappresenta anche uno dei pochissimi spazi in cui le persone LGBT+ possono trovarsi e conoscersi alla luce del sole. Alla vecchia maniera, come nei film, fuori dalle logiche delle chat e dei social. Se ti riconosci nella descrizione che ho fatto, scrivimi (su Instagram, su Facebook o manda una mail a zuccherosintattico @gmail.com), se eri al Pride di Bologna, o hai amici che c’erano, aiutami a diffondere questo post.

Fallo per il romantico Mirco, fallo per l’Amore con la A maiuscola, fallo per rendermi il nuovo Alberto Castagna di questo secolo.

Roba affine
1 commento
  1. Giacomo
    Giacomo dice:

    E va bene. Nonostante il caldo maestoso che c’è vado subito da HM, Piazza Italia, Abercrombie, OVS, Primark e faccio incetta di magliette a righe. Poi ci risentiamo.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.