• Llorente nelle tendenze

1 FEBBRAIO 2015
Beh… cazzate

Una delle prime cose che un aspirante scrittore deve imparare è quella di liberarsi dell’idea che di notte si scrive meglio. Non è vero, è una gigantesca cazzata. La notte non è il luogo dove il talento è al suo punto di massima espressione, nonostante si sia portati a crederlo perché, certo, la luce soffusa, le stelle, il silenzio interrotto dalle poche automobili sotto casa, il pensiero che da qualche parte ci sia qualcuno che sta facendo all’ammore con due emme, è tutto così intimo e romantico, di notte, ma no: se il mattino dopo provate a rileggere quello che avete scritto, lo troverete quasi sicuramente ridondante, patetico e impreciso.

Vi trovate dunque di fronte a un bivio: o decidete di lavorare di giorno e spendere la notte a guardare serie tv e giocare a Quiz Duello come faccio io sprecando una quantità spropositata di tempo prezioso, oppure vi ripromettete di correggere e perfezionare il giorno dopo quello che avete scritto quando il buio vi illudeva di essere ispirati. Nemmeno Baudelaire scriveva durante la notte, che invece impiegava per mettersi in pari con Shameless.

Tutto questo noiosissimo pippone per dire che tuttavia, ma però, ciononostante, eppure, quantunque, nondimeno, ad ogni modo, l’altra sera era tardissimo e io mi gingillavo su twitter e improvvisamente mi accorgo che Llorente – che è un giocatore della Juve e io posso affermarlo con certezza dato che il mio vicino di casa è Pirlo, come mi premuro di ricordare ogni quindici minuti perché è l’unico pseudo contatto che ho con una qualche celebrità – è per qualche motivo in cima alle tendenze italiane. Sì, insomma, Llorente è l’hashtag più twittato di quella sera. Non so se avete presente il momento in cui venite illuminati da quella che considerate un’idea talmente geniale e strepitosa che dovete subito concretizzarla. Ecco, mi è successo, e poiché venivo da due ore di reading e lezione di Guido Catalano, ho buttato giù una specie di poesia bruttissima, che vi ripropongo in quanto sono masochista e non so che fare.

Premessa #1: a me il calcio non è che piaccia molto, ma non discrimino quelli a cui piace, cioè, nel senso, contenti loro…

Premessa #2: preferisco di gran lunga Marchisio, ma non era nelle tendenze e comunque non fa rima con molte cose.

Llorente nelle tendenze


Caro Llorente,
sei nelle tendenze
senza esser morente.
Ti possiederei seduta stante.
 
Caro Llorente,
sei bono e attraente:
ti vuole la gente
adorar veramente.
 
Caro Llorente,
il sottoscritto non mente
ti penso sovente
e godo all’istante.
 
Caro Llorente,
non sei trasparente
specie se avente
la maglietta aderente.
 
Caro Llorente,
non son tuo parente:
se sei consenziente
giaciamo. Biblicamente.
 
Caro Llorente,
mi fa male un dente:
mi mostri il sergente?
Sarebbe rinvigorente.
 
Caro Llorente,
sarò controcorrente
ma ammetto mestamente
che tu, per quanto avvenente,
con G, lo studente
di furbizia carente
non molto intelligente
e poco vedente,
e che in più non ci sente

non ti ci cambierei, mai, per niente.

Roba affine
4 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.