10 GIUGNO 2012
Roba LGBT

Oh, ma che c’avranno da esse’ tanto orgogliosi di esse’ froci?

Avrei voluto rispondere un sacco di cose all’ometto che ieri è entrato in un bar di Via dell’Indipendenza. Non l’ho fatto, intanto perché il signore del bar gli aveva già detto qualcosa che suonava come sta’ zitto demente, e poi perché dovevo tornare dai miei amici che mi aspettavano fuori.

Ed è stato un bene, probabilmente. Perché fino a ieri non avevo ancora capito cosa volesse davvero dire orgoglio. Non sapevo ancora davvero il perché dell’esistenza del Gay Pride. Okay, chiedere i diritti che non abbiamo, ma perché in questa maniera molto festosa? Perché fornire scuse a chi ci critica sostenendo che è solo una baracconata?

Vedete, forse bisogna provare per capirlo. Andare il Gay Pride e vedere quello che ho visto io: tantissima gente. Tantissime persone che sono tutte così diverse, e quindi tutte così uguali. Vedere un ragazzino giocare con una palla insieme ai suoi due papà. Una signora anziana, avrà avuto ottant’anni, con un adesivo sulla maglietta: “Amare è un diritto di tutti”. Amici che scherzano, fidanzati che si prendono per mano, o si baciano. Sì, anche dello stesso sesso, pensate. Una bambina in bicicletta con la maglietta rosa delle Famiglie Arcobaleno. Colori e sorrisi ovunque.

E ad un tratto ti rendi conto che… siamo tanti. Siamo tanti e tutti con un’estrema voglia di amare, esattamente come tutti gli altri. Siamo tanti e non dovete dimenticarlo, perché respiriamo come voi, pensiamo come voi, paghiamo le tasse come voi. Siamo tanti e non dobbiamo dimenticarlo, noi per primi: perché viviamo in un mondo in cui ogni giorno veniamo discriminati, isolati, ignorati, offesi, picchiati, portati al suicidio, e se pensiamo di essere soli rischiamo di perdere la cosa più importante, che è la speranza.

Ecco perché il Pride esiste ed ecco perché esiste in questa forma: per ricordarci che esistiamo, e che siamo bellissimi, e di questo possiamo solo essere orgogliosi.

rainbow
Bologna
9 . 6 . 2012
 
Noi

Roba affine
36 commenti
  1. ero Lucy
    ero Lucy dice:

    Certo che si', ed e' un peccato che il gay pride non sia invece una festa enorme dove partecipano tutti. La strada in Italia e' lunga ancora, c'e' un muro di ipocrisia e di ignoranza che separa alcuni eletti, che credono di essere gli unici a stare dalla parte giusta, dalla conquista dei diritti civili per tutti, e parlo anche del riconoscimento delle coppie di fatto, dell'adozione per i single, eccetera. Ale, siamo solo all'inizio. Pero' voi siete bellissimi e felici, tanto davvero.

    Rispondi
  2. Pier(ef)fect
    Pier(ef)fect dice:

    arancione e giallo sono i miei colori preferiti da questo momento XD adorovi! troppo carini… ho detto al mio ragazzo se vi vedeva, ma credo proprio di no vista la confusione 😀

    Rispondi
  3. Laila Bloom
    Laila Bloom dice:

    Mi piacciono tantissimo le tue parole! (e ovviamente anche il look, fantastici)Considerare i pareri di nicchia come se fossero rappresentativi è controproducente, ma anche definire "imbecilli" quelli che non riescono a comprendere qualcosa che ritengono lontano da loro.. non serve.Secondo me oltre al pride, la cosa importante è cercare di essere sempre se stessi.. quando per le persone sarà abituale vedere due uomini o due donne, allora saremo sulla giusta strada 🙂

    Rispondi
  4. Doctor Ci.
    Doctor Ci. dice:

    Non ci sono parole migliori per descrivere quello che abbiamo visto e provato ieri. È stato emozionante e coinvolgente.Non siamo soli, siamo tanti ed abbiamo voglia di avere gli stessi diritti che tutti hanno. Il diritto di amare! Il fatto che non ci siano stati carri o simili, ha permesso di poter far vedere a tutti quanti che possiamo andare oltre il boa di struzzo od il tacco quindici (anche se non c'è nulla in contrario a tutto questo!).Quindi ora più che mai: EQUAL RIGHTS! p.s. siamo veramente fighi, rainbow power! 🙂

    Rispondi
  5. CervelloBacato
    CervelloBacato dice:

    Bravissimi! E bellissimo pezzo! Giuro a volte mi fa schifo pensare di vivere in questo Paese pervaso da una mentalità da uomini di neandertal che discriminano il diverso e non lasciano spazio alla libertà! Magari ci scriverò qualcosina sul mio blog riguardo al Pride 😉

    Rispondi
  6. Anonimo
    Anonimo dice:

    "E ad un tratto ti rendi conto che… siamo tanti"siamo tanti e ci sono anch'io, assolutamente etero e assolutamente orgogliosa di esserci.perchè la libertà di ciascuno dipende dalla libertà di tutti gli altri.

    Rispondi
  7. Mai più sola
    Mai più sola dice:

    Troppo fighi!! davvero Ale, l'idea era già pazzesca in partenza e voi l'avete realizzata alla grande. Le tue parole mi hanno commosso, siete tanti, siamo tanti, perchè io non mi sento assolutamente diversa da voi. Siamo fatti d'amore, in qualunque modo e forma e siamo terribilmente vivi!

    Rispondi
  8. Clyo
    Clyo dice:

    Siete bellissimi! Bello anche ciò che hai scritto, qui a To è già da anni che si fa il Gay Pride, ma mi rendo conto che non ancora in tutte le città italiane si fanno queste manifestazioni purtroppo.

    Rispondi
  9. CherryBlossom
    CherryBlossom dice:

    Bell'arcobaleno! Mi sa che vivo da troppo tempo in posti dove i diritti di cui parli vengono dati abbastanza per scontati. Ci si abitua molto in fretta e si finisce per dimenticare che c'è chi ancora lotta.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.