• Io, il mio prof di italiano, e il nostro 8 per mille ai valdesi

14 GIUGNO 2017
Roba LGBT

Per la prima volta, quest’anno ho dovuto fare la dichiarazione dei redditi.

Da questo incipit si possono arguire due concetti: il primo è che ho dei redditi da dichiarare, che comunque non è male perché vuol dire che sono un bimbo indipendente che si può comprare il cibo e il succo all’ananas per continuare a sopravvivere.

Il secondo è che ho dovuto scegliere a chi destinare l’8 per mille. O meglio, sono dieci anni che ho scelto a chi destinarlo, e cioè da quando il mio professore di italiano del liceo entrò in classe borbottando di aver donato il suo 8 per mille ai valdesi perché non sopportava più la pubblicità dei cattolici.

La Chiesa valdese ha almeno tre caratteristiche degne di nota:

1. non è la Chiesa cattolica che, oltre averci rintronato per anni con quell’odioso spot con i bambini neri poveri ma sorridenti, utilizza più del 75% di quello che riceve dall’8 per mille per il sostentamento del clero e gli interventi di culto, e nemmeno un quarto degli introiti vanno nei progetti caritativi;

2. non è lo Stato, a cui sono già andati uno sproposito di contributi che sono felice di aver dato perché le tasse sono bellissime e ci si pagano i servizi e le cose per chi ha bisogno etc etc;

3. è la Chiesa valdese, cioè un movimento che destina praticamente tutto quello che ricava dall’8 per mille in interventi caritativi, un’organizzazione in cui non c’è il celibato, i pastori possono sposarsi, il 30% di essi sono donne e si dichiara a favore delle unioni omosessuali, di cui celebra anche i matrimoni.

Roba affine
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.