• Indagine sui fan di Emma Marrone

16 LUGLIO 2014
Cose extra

Se esisteva una cosa che davo per scontata almeno quanto la tossicodipendenza di Morgan e l’incapacità di Renzi nel parlare inglese, era l’omosessualità di Emma Marrone. Tuttavia, contrariamente alla tossicodipendenza di Morgan e all’incapacità di Renzi nel parlare inglese, per quanto riguarda Emma Marrone devo ricredermi. Certo, mi veniva abbastanza naturale immaginarmela alla guida di un trattore nell’atto di ruttare vestita con una salopette da idraulico, oppure seduta a cavalcioni su un toro meccanico a bere birra dal naso gridando “Viva la foca e che Dio la benedoca”, ma no: è l’ora di finirla con questi stereotipi che autocostruisco nel mio fantasiosissimo cervellino. E soprattutto: il concerto di Emma Marrone non è stato per nulla quello che mi aspettavo.

Quantomeno a livello di fan. Davo per scontato che al concerto di Emma Marrone sarebbero state presenti camionate di fanatiche, tutte con una Tennent’s in mano e tutte con la camicia a quadrettoni. Una parte di pubblico indossava effettivamente la camicia a quadrettoni, e in effetti la prima domanda che mi è stata fatta riguardava la vendita delle birre all’interno della piazza, ma questa era solo una piccola parte del vero pubblico di Emma.

Emma Marrone divide la sua tifoseria (è una vera e propria tifoseria: hanno striscioni, urlano, si disegnano simboli bellici in faccia) in tre macrogruppi:

– le lesbiche adorate, di cui abbiamo già ampiamente parlato

– le ragazzine, di età compresa dai sei anni ai venticinque, tutte estremamente entusiaste di assistere all’esibizione della loro beniamina, la fantastica, super, grande, finissima Emma

– le madri e i padri delle suddette ragazzine

Vorrei parlare di quest’ultima categoria. Durante la mia attività di osservatore dell’umano (dovrebbero pagarmi per quella, altro che controllare che le genti non scavalchino un muretto) sono stato colpito da ciò che a lezione, citando Flannery O’Connor, chiamiamo commotion. Devo ammettere che mi si è illuminata ogni cosa quando ho visto questi padri e queste madri che correvano dietro alle figlie dodicenni, correvano portando in una mano i biglietti e l’Emma Card, e lo zainetto con la cena nell’altra, e avevano dipinti sulle guance degli enormi cuori, rossi con il contorno nero, con dentro scritto Emma, e sudavano perché era parecchio caldo, e in quel momento una luce bianchissima mi ha investito, e una divinità col volto di Alessandra Amoroso mi ha sussurrato all’orecchio che la droga fa male e che l’amore filiale esiste ed è il più forte di tutti.

Tornando all’indagine, c’è da dire che le fan di Emma sono molto toste. A fine concerto si sono radunate intorno alle transenne oltre le quali stanno i camerini degli artisti, e io (che avevo una voglia matta di smontare e andare a casa ma non potevo, nda) mi sono trovato a fare da barriera per evitare che quella mandria di figliole sfondasse le protezioni per un autografo dell’italica urlatrice. Visto che all’occorrenza so essere anche molto spiritoso e socievole (però è molto raro), ho iniziato a conversare amabilmente con il nemico.

– Emma non esce dai camerini.
– Non è vero, non ci crediamo!
– Però un giorno io sarò uno scrittore famoso, se volete ve lo faccio io un autografo!
– AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAH (risate che neanche in una puntata di Friends, a parte una cara signora che era invece molto interessata)
– Senti, com’è che ti chiami?
– Alessandro
– Senti, Alessandro. Ti ci va un mojito?

Concludo così la mia indagine sui fan di Emma Marrone: con loro che tentano di corrompermi con un mojito.

Roba affine
5 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.