• Superman over Lucca, e le altre storie dello WOW di Milano

6 MAGGIO 2018
Roba tipo recensioni

Ieri io e Giulino siamo stati allo WOW Spazio Fumetto, il Museo del Fumetto di Milano. Non è uno di quei musei super moderni con i pannelli super all’avanguardia e con tutto l’arredamento di design, anzi, la prima impressione che ho avuto è stata che a questo spazio mancassero un po’ di fondi per raggiungere gli standard estetici delle mostre più quotate della città. Eppure ne sono uscito molto soddisfatto: il museo non ha permanenti, ma soltanto delle temporanee che cambiano ogni pochi mesi. L’ingresso costa 5 euro (onestissimo) e ci sono un sacco di convenzioni se siete poveri ma audaci come noi. E soprattutto, entrambe le mostre che abbiamo visto erano super interessanti e spiegate in modo facile e al contempo esaustivo. Sicuramente curate da persone appassionate.

Il primo percorso riguarda il fumetto nel ’68. Il titolo farebbe supporre qualcosa di palloso, e invece è stata una figata. C’è tutta una parte sulla nascita del fumetto femminile e femminista molto utile per capire come si è evoluto il racconto della donna nel corso del tempo.

La seconda temporanea è sui Maestri della Matita: tre disegnatori italiani che hanno avuto un ruolo fondamentale nel fumetto. Si inizia con Sergio Zaniboni, cioè la matita dietro Diabolik; si va avanti con Angelo Stano, il primo e il più noto disegnatore di Dylan Dog; e infine Simone Bianchi, che dalla mia Lucca è finito negli Stati Uniti a lavorare per Marvel Comics.

Giulino mi ha indicato due disegni in particolare: quelli che ritraggono Superman e Spider-Man in azione. Non a Metropolis o New York. Ma Lucca, la città italiana del fumetto. Non vi si stringe il cuoricino, a voi?

Roba affine

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.