Due sogni a caso

Ho sognato di essere un gatto di nome Avanzi. Ero in una discoteca per gatti gay e c’era un enorme gomitolo che penzolava dal soffitto – immagino fosse l’equivalente per gatti che il mio subconscio utilizza come mirror ball. Le canzoni erano diversi tipi di miagolii remixati in chiave techno house e tutti i felini presenti si comportavano in maniera molto schiva, come effettivamente farebbe un qualsiasi gatto gay o anche solo un gatto o anche solo un gay, muovendo la testa a tempo in maniera tenera. A un certo punto entravano i miei amici gatti gay dicendo: “Cerchiamo Avanzi” e qui mi sono svegliato perché ho riso forte.
Accludo immagine di gatto.
Ho sognato che Ania diventava una famosa scrittrice parlando male della mia famiglia. Ania è una ragazza di Chernobyl che mia nonna ha ospitato per qualche estate, ormai venti anni fa. All’interno del mio mondo onirico, scoprivo che è diventata famosa in Russia sostenendo nella sua autobiografia che mia nonna fosse una strega chiamata Gabriella e io un viziato, entrambe affermazioni falsissime dal momento che mia nonna si chiama Irene. Il libro è stato poi pubblicato in Italia da Adelphi, che lo ha fatto uscire con una copertina azzurra e una criptica immagine di una matrioska, oggetto delizioso che peraltro Ania ci ha regalato davvero.
Accludo immagine di atleta russa.

L’interpretazione migliore vince una crocchetta.
1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.