Tentativi improbabili di stare bene

Quello che ho capito di me stesso è che vivo male.
È come se il mio cuore avesse perennemente impostato il filtro Brannan di Instagram, quello che delinea bene i contorni e mostra tutto più scuro. 
Le persone gioiose e spensierate di solito utilizzano il Rise, che in effetti è un filtro molto arancione e luminoso ma se proprio devo dirvi la verità a me sembra che renda i soggetti ritratti a un passo dalla carbonizzazione cutanea. Di solito lo uso per chi non mi sta simpaticissimo.
( ora, apriamo una parentesi – a volte nella vita bisogna aprire le parentesi, a volte no, Dio, sembro Francesco Sole. Io sono contento di questo mio modo d’esistere. Riesco a notare, pensare e sentire cose che non potrei percepire se avessi un altro tipo di sensibilità. Rido anche molto, per esempio )
Vivere male, dunque, non è la cosa peggiore che possa capitare a un essere umano ma diciamo che serve parecchio tempo per sviluppare uno spirito d’adattamento adeguato a sopportare il resto della società che invece vive top favola
Tale spirito di adattamento si concretizza in un assortimento grottesco di trucchi, metodi e mantra. Esistono dei libri che li illustrano, ma io ho capito che spendere soldi in libri di psicologi improvvisati che non vi conoscono direttamente, che non hanno mai visto le vostre espressioni e che non sanno davvero come siete non è molto producente per voi. Ognuno deve inventarsi le proprie tecniche, per il principio che tu sei il miglior conoscitore di te stesso – adesso sembro Marzullo, ma che ho oggi?
Sì, insomma: solo tu puoi capirti. Be’, tu e l’oroscopo di Rob Brezsny, anche lui può capirti. Tuttavia, ho deciso di illustrarvi – completamente a gratis, vi prego di notare – la tattica che ho inventato stamattina. Sapete, mi sono svegliato stressato e pulsante di vivide paranoie, come al solito. Allora ho brevettato questo gioco, che potete scaricare e stampare e provare da casa. Non vi spiego le regole, è molto intuitivo.

6 commenti
  1. Erika
    Erika dice:

    "Vivere male, dunque, non è la cosa peggiore che possa capitare a un essere umano ma diciamo che serve parecchio tempo per sviluppare uno spirito d'adattamento adeguato a sopportare il resto della società che invece vive top favola"è la frase che tutti dovremmo appenderci al frigo. Che poi, facendolo tutti, scopriremmo che in realtà nessuno vive *top favola*.Per il resto, adoro il tuo schemino, concepibile però in un momento "di buona", se me lo presentassero in una delle mie giornate no… beh, auguri!

    Rispondi
  2. Raffy
    Raffy dice:

    Rise è sempre stato il mio filtro preferito, ma forse solo perché ambisco ad essere "gioioso e spensierato." Comunque il "gioco" è assolutamente da provare 😉

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.