Non puoi stare simpatico a tutti, e vi spiego perché

Che non potevo stare simpatico a tutti l’ho intuito durante le scuole medie, quando mi odiavano tutti.
Ne ho la conferma anche oggi, quando mi capita di odiare tutti. Ma forse quella è sociopatia, che è un po’ diverso, ha poco a che fare con la simpatia, è più una cosa genetica che riguarda il DNA, praticamente come avere i capelli biondi o essere omosessuale, solo che sui sociopatici non fanno campagna elettorale, e questo è un po’ ingiusto. In compenso ci fanno un sacco di serie tv.
A un primo superficiale ragionamento potrebbe sembrare che un mondo dove tutti si stanno simpatici sarebbe un mondo perfetto. Penseremmo subito a un ambiente assolutamente pacifico e sereno, in cui udiremmo tanti uccellini fare cip cip, tanti gattini fare miao miao, tante mucche fare mu mu, tanti pikachu fare pika pika, tutti sorridenti, liberi, spensierati, e neanche l’ombra di un attacco tuonoshock
Ma non è così. Un mondo dove tutti si stanno simpatici sarebbe terribile, e adesso mi accingo a spiegarvi i motivi.

1. L’odio è il motore dell’evoluzione. Se finora avete pensato che sia l’amore a creare la vita, beh, scordatevelo. È il conflitto che genera le situazioni non banali e che aggiunge il sale alle nostre giornate, ed è sempre il conflitto che ci permette di crescere e sviluppare un senso critico. Non so se purtroppo o se per fortuna, ma ci evolviamo grazie all’odio. Tutto il resto sono sentimenti accessori eventualmente gradevoli.

2. L’odio è il motore di ogni storia interessante. Poniamo che tutti ci stiamo simpatici – ipotesi plausibile se si assume perlomeno l’inesistenza di tutta la famiglia Ghedini – poniamo che ci stiamo tutti simpatici, dicevo: ecco, in questo caso non esisterebbe proprio il concetto di simpatia. Probabilmente non riusciremmo nemmeno a immaginarci come sarebbero la simpatia e l’antipatia. Ne consegue che ci sarebbero tutta una serie di sceneggiatori disoccupati, che non avrebbero potuto scrivere i film che si basano sulla contrapposizione tra personaggi buoni e cattivi, quindi praticamente tutti, e anche se questo ci avrebbe risparmiato dalle interpretazioni di Nicolas Cage sarebbe davvero brutto un mondo senza film.

3. L’odio è il motore dell’amore. Sì, beh, questa è un po’ tirata, lo ammetto, più che altro la volevo scrivere per il titoletto scenico “L’odio è il motore dell’amore”, WAAAA, che cose fighe e accattivanti che scrivo, mi compiaccio di me stesso. Ad ogni modo, quello che intendo è che non potrei capire chi amare se non sapessi chi odiare. Questo vale anche per quanto riguarda l’amicizia, le relazioni, gli interessi, le passioni, e vi prego fermatemi perché sto diventando melenso.

Infine, mi preme ricordarvi che l’odio è anche il motore di questo blog, che non esisterebbe se io non fossi così oscenamente antipatico da dover criticare e giudicare e sparare pretenziose sentenze su praticamente tutto, ma siccome poi mi leggete, se volete questo blog abbiamo bisogno di qualcuno che mi stia antipatico. A proposito, se volete starmi proprio simpaticissimi, ricordatevi che potete votarmi come Mister Internet ai #MIA13. Ecco, l’ho detto.
10 commenti
  1. Ade
    Ade dice:

    Sulla cosa di Nicolas Cage ho riso per cinque minuti.Pure a me stai simpatico, ecco.E sono poche le persone che mi stanno simpatiche.Perché sono un po' sociopatica anch'io, m'han detto.Evviva i telefilm sui sociopatici, comunque.Tanti baci

    Rispondi
  2. Matteo
    Matteo dice:

    "E anche se questo ci avrebbe risparmiato dalle interpretazioni di Nicolas Cage sarebbe davvero brutto un mondo senza film".Me morto.Comunque in fondo hai ragione. E poi vuoi mettere augurare la morte a qualcuno che ti sta sulle pall* in modo fantasioso e sempre innovativo? Ripaga almeno una storia d'amore qualsiasi e attenua le rughe. Insomma, odiare fa bene alla salute.

    Rispondi
  3. Rabb-it
    Rabb-it dice:

    Solo sei commenti?Ah giusto… se tutti ti scrivono che sei simpatico va a farsi benedire il tuo assioma e se ti scrivono che non lo sei poi ci resti male.Meglio tacere eh?Sì, forse anche io.La prossima volta che leggere un tuo post mi farà pensare a Streghe… ti picchio! Ale avvisato… mezzo salvato. ^_^

    Rispondi
  4. Cristina
    Cristina dice:

    L'odio è parte di noi. E ricordo di avere studiato (ah…bei tempi!) che è il primo vero sentimento che percepiscono i bambini. Solo dopo si sviluppano i sentimenti d'amore. Praticamente se non c'è pane non c'è focaccia. Ok, questa faceva schifo 😛

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.