Mi pare di arguire che oggi è il 12/12/12

Mi pare di arguire che oggi è il 12/12/12, come mi viene ricordato da calendario, cellulare, radio, tv, giornali, blog, twitter e praticamente metà dei miei contatti facebook – ragazzi, ma se ci emozionano così tanto ‘ste cose, non so, compriamoci la wii, o un libro sui templari. Comunque, oggi è davvero un giorno speciale: non solo per la data simpatica fatta di numeri tutti uguali (l’anno scorso era di tutti 1 e per l’occasione scrissi due post: link1, link2), ma soprattutto perché la mia sorellina adorata e scema compie gli anni.
Mia mamma l’altro giorno mi fa: “Ale, perché non le organizziamo una colazione a sorpresa per farle gli auguri prima di tutti?”, “Oh, madre, che idea deliziuosa!”, “Bene, fallo tu. E muoviti, anche”
A parte la crudeltà di mia mamma, una colazione a sorpresa è un’idea carina: il festeggiato si sveglia ed è talmente rincoglionito che non ce la fa a sospettare una colazione in suo onore. Tuttavia va organizzata bene. Conscio di questo, mi sono chiesto: cosa farebbe Enzo Miccio al mio posto? A parte indossare un completo beige, credersi bello e assumere una faccia schifata da prendere a ciaffate, che è l’espressione naturale di Enzo Miccio.
Allora ho pensato ad un cd con alcune canzoni importanti, poi dei manifestini con delle foto che la mettessero in terribile imbarazzo, poi una tovaglia bianca con disegnato sopra qualcosa di gay e colorato, poi il regalo e infine dei palloncini.
Ebbene, ieri sera parto e vado a comprare ‘sti palloncini. Entro in una cosa come due milioni di negozi. Alla Coop non ce li avevano. Al Brico neppure. Cartolandia era chiuso, così pure un’edicola vicina, ed era chiuso anche Cartè, anche se c’era dentro una commessa che non mi ha voluto aprire e che per questo non dico che spero che soffochi schiacciata da Moira Orfei, ma qualcosa di simile, ecco. Infine sono andato dai cinesi. 
Quando ci viene il timore che l’Oriente conquisterà l’Europa, non occorre addurre motivazioni economico-sociali: basta entrare in un negozio di cinesi. Sono sconfinati, hanno in diffusione qualcosa di nippo-trash-dance, sono pieni di oggetti tamarri e mutande sempre troppo larghe. Eppure avevano i miei palloncini, così li afferro con gaudio e torno a casa soddisfatto.
E questo è il risultato. Una colazione a sorpresa, dove incombe un’invisibile presenza cinese.

31 commenti
  1. Berry
    Berry dice:

    Ahahahahahahaahhahaahahah! Favoloso post! Auguri a tua sorella, colazione riuscita? Sai che lavoro per un'azienda che distribuisce palloncini NON-CINESI? 🙂 A presto!

    Rispondi
  2. Mandorlamara
    Mandorlamara dice:

    Mi piace l'idea della colazione a sopresa.. ma da magnare che le avete fatto? No.. dico solo per prendere spunto.:DAh.. Enzo Miccio con un completo beige di mattina non ce lo vedo. Meglio un completo a quadri..

    Rispondi
  3. Doctor Ci.
    Doctor Ci. dice:

    Auguri sorella di Ale!I cinesi risolvono ogni problema, meno male! *.*La stanza è perfetta, se c'era Enzo Miccio ci faceva mettere un pisello odoroso, visto che ad ogni matrimonio è fissato! 😀

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.