Considerazioni sull’originalità indotte da una bionda piccola

Qualche sera fa mi trovavo in birreria in compagnia di due amiche e di una creatura piuttosto ubriaca che cercava di attentare alle nostre preziose virtù. Dio, i bisessuali credono di poter fare quello che vogliono solo perché hanno letto su wikiquote quella frase di Woody Allen che li loda. NOTIZIONA: guardate che se siete brutti e importuni e puzzate di aceto non ve la diamo lo stesso, eh. E insomma ero impegnato a reprimere l’idea di ucciderlo servendomi di uno spazzolino elettrico Oral B Trezone che stando alla pubblicità è più pericoloso di un fucile anticarro, pertanto ho avuto modo di fare qualche riflessione sull’originalità.

In particolare, pensavo di essermi sempre ritenuto una persona originale. Non solo per il fatto che il mio portacellulare è un calzino spaiato o che scrivo il sì-affermazione con l’accento o che so fare l’imitazione di Topolino che imita Pippo, ma anche per altre cose magari meno gravi dal punto di vista clinico. Questa cosa di essere originale mi è sempre piaciuta e ha sempre contribuito ad aumentare la mia autostima. A ventitré anni, tuttavia, è il momento di metterla in discussione.

Per due motivi: per cominciare essere originali non è tutto, come mi ha detto una volta un tizio. Il che è vero, però c’è anche da dire che quel tizio era di una noia mortale. Il che mi fa pensare che quelli che criticano l’originalità siano le persone banali.

Ma soprattutto un secondo pensiero ha minato la mia consapevolezza: non sarà mica che io mi vedo originale e invece non lo sono affatto? Per spiegarvi questo concetto mi servirò di un simpatico aneddoto, che riguarda un tipo con cui sono uscito diverso tempo fa – sì, lo so che tutti i miei aneddoti riguardano persone con cui esco, tipo l’assassino di Gello o il ragazzo coi raggi o Mery la meretrice, ma non è colpa mia se la metà di quelli che incontro sono casi umani.

Insomma dopo un appuntamento che -per fortuna- era giunto al termine, lo stavo riportando a casa con la mia macchina e mi informavo sulla strada da compiere mentre guidavo. “Qui vado a dritto, giusto?” “Sì sì, qui a dritto”. Tutto ad un tratto grida “NO A DESTRA!!!” facendomi inchiodare in mezzo all’incrocio, e poi “AHAHAH scherzavo era a dritto AHAHAH”.
Ora, a parte il fatto che l’ho praticamente scaraventato fuori dalla macchina, avete capito cosa intendo? Magari anche lui si sente originale, mentre invece è solo idiota. E se io fossi come lui? Se anch’io stessi scambiando l’originalità con quella che è semplice sindrome di deterioramento demenziale?

Quella sera, in birreria, pensavo a queste cose e vi dirò: non sono arrivato ad una risposta definitiva, forse perché io sono così, originale o demente che sia, ma sono riuscito a compilare un sottobicchiere scrivibile che adesso troverete là, appeso ad uno specchio.

  
E, come vedete, ho scritto il sì-affermazione con l’accento.
27 commenti
  1. Amleto
    Amleto dice:

    No ma infatti si scrive "sì", è giusto spargere il sapere!Tutta questa manfrina per ricevere: "Ale sei originale"!? Beh, secondo me sei originale e divertente. <3

    Rispondi
  2. Cervello Bacato
    Cervello Bacato dice:

    Ma questa è una riflessione molto interessante… E se pure io mi vedessi originale e fossi in realtà un idiota?! boh! Facciamo finta che siamo originali e punto! Si fa prima e si vive più felici! ;)Epico il sotto bicchiere! Lo voglio ora prima che valga oro! *-* (ahah che bel gioco di parole… anche no..)

    Rispondi
  3. Arianna
    Arianna dice:

    Il nuovo originale è non essere originale.E il prossimo originale è essere originale nel non essere originale.E il prossimo prossimo originale è non essere originale nell'essere originale che non era originale. Ed il prossimo orginale è essere virginale nelle orgie.Io sì(!) che sono originale!

    Rispondi
  4. Doctor Ci.
    Doctor Ci. dice:

    Tu sei ORIGINALE!E se non lo sei tu, allora non lo è nessuno eh!Poi quando la trovi una persona che ti fa Topolino che imita Pippo che dice: "Io amo le festività natalizie!" <3:3

    Rispondi
  5. Mareva
    Mareva dice:

    Io non ci ho mai pensato.Intendo dire: secondo me nel momento stesso in cui si pensa di essere qualcosa e/o ci si sforza di esserlo si fallisce. Ho sempre pensato che qualità come la bellezza, l'originalità, la diversità etc. non si posseggano con consapevolezza. Si è così e fine. Come si nasce con un determinato colore di capelli.Io, dal canto mio, non so cosa sono. Ma a me piace la "normalità". La linearità. Ciò che è liscio. La "medietà".

    Rispondi
  6. Pier(ef)fect
    Pier(ef)fect dice:

    Mareva ha colto ciò che penso… e penso pure, qualsiasi cosa io faccia, che qualcun altro nel mondo l'ha già fatto, il che rende la mia idea, azione meno originale e unica… siamo però unici in ciò che siamo, nei vari tasselli che ci compongono… giuro che non ho bevuto.

    Rispondi
  7. xanthippe
    xanthippe dice:

    Avevo letto "Considerazioni sull'originalità indotte da una piccola bionda". Pensavo fosse una bionda di bassa statura. Ho bisogno di una vacanza. O di trombare. Anzi, mi sa che ho bisogno di entrambe.E comunque tu non sei originale. Tu sei avanti. Troppo avanti. :o)

    Rispondi
  8. Alessandra
    Alessandra dice:

    Me la faccio anche io spesso questa domanda!!Io scrivo perché con l'accento acuto e po', non pò. E non scrivo abbreviato negli sms. Dott. 13, sono pazza e solo maniaca della grammatica? 🙂

    Rispondi
  9. Il Banale
    Il Banale dice:

    Arrivato ad "Ale 13 Drunk version" per poco non mi stampavo la tastiera sulla fronte. Mito.E le considerazioni fatte usando come base delle "uscite" vanno prese con le molle(tte) ricorda. Come i capezzoli.

    Rispondi
  10. perdentedisuccesso
    perdentedisuccesso dice:

    …mi era venuto un colpetto.. per me PICCOLA BIONDA è una ragazza con i capelli dorati non molto alta…(cmq la distinzione tra originalità e idiozia è separata da un filo sottile che se scivoli ti si infila come un tanga…OKKRISTO NON SAPEVO DI POTER SCRIVERE UNA FRASE DEL GENERE)..sempre bello leggerti..!!…e scriverti…:)

    Rispondi
  11. Lorenzo Bises
    Lorenzo Bises dice:

    Ma io amo quel sottobicchiere, li rubo sempre oppure ho la mania di farli a pezzi!Comunque tu non sei un demente, al contrario io ti porto in palmo di mano per la simpatia, tu sei un cazzaro come me!ciao caro ale

    Rispondi
  12. La Princess S.
    La Princess S. dice:

    Ok,questo post mi ha fatto riflettere.Moltissimo.Sono arrivata ad alcune conclusioni.Usare "sì" è decisamente originale.Più che l'uso del calzino spaiato è l'uso del termine "spaiato" ad essere originale. Io lo trovo inusuale e poetico.Ecco,trovare poetico il termine "spaiato" è originale.Cazzo che culo, sono originale 😀

    Rispondi
  13. Evdar
    Evdar dice:

    Anche io mi sono sempre sentita figa a scrivere il sì affermazione con l'accento. Dio, quanto siamo origggginali. Non mi ricordo come ho trovato il tuo blog ma vabbè. Hai pure una nuova follower (che culo!)

    Rispondi
  14. Rabb-it
    Rabb-it dice:

    Lo confesso a volte mi capita di scordare di usare la ì accentata, ma siccome di orrori ortografici ne faccio a iosa tendo ad autoassolvermi facilmente. E mica solo per la grammatica. 😛

    Rispondi
  15. Erika
    Erika dice:

    secondo me lo sei anche solo col sì-affermazione accentato… e se sei originale ti consiglio anche di accettare inviti di aitanti brasiliani che ti chiedono di unirti a loro nel nome della forza, dell'allegria e dell'amicizia. abbracci, dalla Sardegna ♥ps regalino per te nel mio blog 😉

    Rispondi
  16. Valeria
    Valeria dice:

    Anche io lo penso di me. A volte penso che non sono solo originale, ma anche geniale. E anche io scrivo sì-affermazione con l'accento. Se ti interessa, scrivo anche po' con l'apostrofo e non con l'accento, anche negli sms, anche se questo mi costa ben un carattere. C'è una pagina, su Facebook, il cui titolo è "Valutare progetti di vita con le persone che scrivono PO' con apostrofo". Che poi dovevano scrivere "con l'apostrofo", ma non sto qui a sottilizzare. Mi piace il tuo blog.V.P.S.: il fatto che io abbia citato quella pagina non equivale a una proposta di matrimonio.

    Rispondi
  17. Elefanti Tristi & Morbidi
    Elefanti Tristi & Morbidi dice:

    E' assurdo! Mi pare di leggere me stessa…o meglio di leggere qualcosa partorito dalla mia insana mente!!! Mi faccio gli stessi viaggi mentali, ma sono giunta ad una conclusione.Ci sono due tipi di persone originali: quelle che lo sono davvero e quelle che non lo sono affatto (O.O sembra non avere alcun senso, ma fidati che ne ha eccome).Il solo fatto d'essere colti da queste paranoie di non-originalità è indice del fatto che sei, siamo parte di quel club elitario di persone veramente originali.Morbidi.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.