Stamattina

Stamattina mi sono svegliato con la voglia squisitamente nuova di qualcosa di romantico. Ho pensato che sarebbe bello leggere un libro ed evidenziare le frasi che mi piacciono di più con la matita. Anzi, usare magari tre matite di colori diversi, in modo che risaltino più all’occhio. No, anzi no: un solo lapis della consueta grafite grigia, che fa molto più decadentismo. Dal tratto spesso, ma non troppo. Un 3B dovrebbe andare bene. Ai miei nipotini mi vanterò di come, quando ero giovane, solevo sottolineare le frasi più poetiche e poi farmi un bicchierino di assenzio. Chiaramente mi servirà un libro adatto da sottolineare, prima, a meno che non speri di trovare letteratura di livello in Cotto e mangiato o in Come diventare ricca bella e stronza. Forse devo rinunciare a quest’idea romantica. Ripensandoci, l’assenzio mi fa vomitare.
Stamattina mi sono svegliato e percepivo in me un nuovo, entusiasmante terrore. Prima di sciogliere il Lorazepam nel caffellatte come sono solito fare in questi casi, ho voluto indagare dentro di me per ricercare l’origine di tale paura, e l’ho collocata nella visione di dieci minuti di Real Time, ieri, in cui una signora americana probabilmente oligofrenica affermava con convinzione che la sua vita non avrebbe avuto senso senza i coupon della spesa. Ho cambiato canale, peraltro facendo in tempo a vedere Marisa Laurito bruciarsi col tostapane in diretta, ma non abbastanza in fretta perché non mi s’insinuasse nel cervello l’immagine di me tra vent’anni ricoperto di gatti in cui alle telecamere di una tv satellitare di serie B ribadisco con veemenza l’importanza vitale che hanno avuto per me i bollini della Coop. 
Stamattina mi sono svegliato con uno sciame di pensieri e desideri e speranze in testa che ho prontamente scacciato con una manata virtuale nell’aria. Il fatto è che so che il futuro non si costruisce da solo. Affinché un software funzioni bisogna che qualcuno ne scriva il codice, analizzando tutti i casi e proponendo un valore di ritorno ad ognuno di essi, poi bisogna che qualcuno questo codice lo testi e ne rilevi i bug, che ci saranno e saranno a volte inspiegabili, e andranno corretti e ricontrollati di nuovo, finché non si potrà cliccare su Esegui e vedere che tutto gira alla perfezione. Via i pensieri, via i desideri, via le speranze.
Effettivamente un codice da scrivere mi sta aspettando proprio in questo momento. 
Uff. Tutto sommato, Real Time non è poi una tv di serie B. 
22 commenti
  1. Tiz
    Tiz dice:

    Ma… È davvero così romantico sottolineare le frasi di un libro. E dico, persino con un 3B! Che poi, la punta di un 3B è così morbida che la puoi anche spalmare sul pane.

    Rispondi
  2. JuB
    JuB dice:

    Ho una copia dell' "Antologia di Spoon River" tutta sottolineata. È bello sottolineare, poi si rilegge a distanza di anni e non si capisce più il perché, oppure si fa un salto nel passato, si ricorda e si tira un sospiro di sollievo!

    Rispondi
  3. guesswhatiminlove
    guesswhatiminlove dice:

    Io vorrei una matita in grado di sottolineare anche le immagini e i gesti romantici…quelle cose che ti sembrano appena uscite da un film o da un libro, per l'appunto :)Ps. resisti/resistiamo: tra poco non saremo più costretti a collezionare i bollini della coop. Esce il nuovo album di figurine! 😛

    Rispondi
  4. Cristina
    Cristina dice:

    stamattina mi sono alzata bene.. ho controllato quanto avrei pagato di tasse universitarie quest'anno… e sono diventata il diavolo in persona. oggi ammazzo qualcuno, lo so.ps: io ho voglia di leggere classici invece 😀

    Rispondi
  5. Serena S. Madhouse
    Serena S. Madhouse dice:

    io ho comprato un quaderno nero, di quelli che un tempo te li tiravano dietro e nessuno li voleva, ora invece costano una fortuna… ci scrivo le frasi dei libri che mi rimangono in testa per qualche motivo, che mi scaldano o raffreddano il cuore (son troppo poetica?!mahh), si vede che anch'io tempo fa ho avuto uno di quei risvegli…E' vero che il futuro non si costruisce da soli ma… a volte è vero anche il contrario…e comunque sei fortunato: tutte le volte che vado da una mia amica, lei ès empre davanti a real Time, c'è una trasmissione ORRIBBIIIILE su malattie assurde, io faccio una fatica a stare lì… molto meglio la Laurito strinata e i bollini della Coop ;)-

    Rispondi
  6. ...Domani è comunque un altro giorno
    ...Domani è comunque un altro giorno dice:

    I love Real Time. E' il mio faro nella nebbia.La foto è stupenda e tu hai tantissima voglia di rimanere a letto sotto la copertina e non uscirne mai più: ti capisco ma senti cosa ha consigliato a me Brezsny "Suppongo che tu non conosca il nome della persona che ha spedito la prima email. Si chiamava Ray Tomlison e lo ha fatto nel 1971. Probabilmente non sai neanche che è stato lui a inventare l’uso della chiocciola negli indirizzi. Adesso vorrei rivolgermi al tuo Ray Tomlison interiore, Gemelli, a quella parte di te che ha creato qualcosa di buono senza ricevere grandi riconoscimenti. Voglio celebrare quell’eroe sconosciuto, e spero che la prossima settimana ti impegnerai a fare lo stesso."

    Rispondi
  7. Lucy
    Lucy dice:

    Quanto piacerebbe anche a me essere una di quelle persone che sottolinea con la matita le frase dei libri che più le piacciono, anzi mi basterebbe anche solo poterle ricordare (beh ovvio per poterle sfoderare al momento opportuno che 'fa figo'). Invece dimentico tutto. Troppo presto.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.