Del parcheggio, al mare, la domenica d’Agosto

Se è vero quello che ci dicono, e cioè che il diavolo si manifesta ogniqualvolta l’uomo invoca il nome di Dio invano, allora il posto dove Satana si annida più spesso e volentieri è un qualsiasi parcheggio al mare la domenica d’Agosto.
Dio odia parcheggiare, ed è per questo che quando si è fatto uomo ha scelto un’epoca in cui le automobili non erano ancora state inventate. Invece adesso ci sono, e bisogna ammettere che sono molto utili per spostarsi, fornicare e trasportare i cocomeri dalla Coop a casa – provate voi a farlo in bici! – ma resta il fatto che è necessario parcheggiarle da qualche parte quando si va al mare, e al mare la domenica d’Agosto i parcheggi sono tutti pieni.
Sicché la gente si sfoga. Nell’unica maniera possibile: invoca il nome di Dio invano, appunto.
Smoccola.
Giò è seduta accanto a me, al posto del passeggero, e sbuffa. Ha caldo, ambisce a sabbia e acqua salata. Vuole solo spalmarsi l’olio solare addosso e poltrire per il resto della giornata. Dal finestrino osserva la fila vicino a lei, se ci fosse qualche buco libero, o qualche famiglia che torna a casa per il pranzo. “Bisogna trovarsi al posto giusto nel momento giusto” – sentenzia.
“È un po’ come la metafora della vita” – replico, sardonico. Ma col caldo infernale, la fame, la voglia di mare, il pensiero di trovarmi in mezzo ad altre venti autovetture contro cui competere per due metri quadri di terreno, tutta la filosofia che può circondare il concetto di parcheggio al mare la domenica d’Agosto mi pare solo una grossa stronzata.
__________________________________________________
[ articolo pubblicato su Maintenant
testata on-line che ho conosciuto per caso 
e per fortuna 
e che consiglio a tutti. 
Il link dell’articolo originale è questo
mentre quello del sito è questo ]
12 commenti
  1. Melinda
    Melinda dice:

    Sì, anche da queste parti è difficile trovare un parcheggio…l'anno scorso scegliemmo una banchina e poi…restammo infossate e non ti dico l'impresa per tirarla fuori!E poi i parcheggi a pagamento per un giorno intero NON SI POSSONO SENTIRE. LADRIIIIIII!!!!!!!!!

    Rispondi
  2. gattonero
    gattonero dice:

    C'è una situazione che supera quella dei parcheggi sul mare: gli sconti ai distributori del sabato/domenica. I parcheggi, i box, i depositi delle auto da rottamare, si svuotano spostandosi in contemporanea in code infinite, doppie e triple file, insulti, coltelli, offese ai morti, ai vivi, ai tori (che sono i padri e i nonni del vicino in coda) e alle vacche (che sono sempre le madri dei vicini che tentano il sorpasso). Il lunedì mattina tutto torna alla normalità, parcheggi al mare pieni, i tori nelle stalle, le giovenche in spiaggia… e ho visto te e Giò addentare il volante per calmare un po' la fame.Ciao.

    Rispondi
  3. ero Lucy
    ero Lucy dice:

    Ah insomma e' cosi' proprio ovunque. Odio odio profondamente odio, che devi uscire alle 5 e un quarto per riuscire ad accalappiare un posto. I parcheggi a pagamento andrebbero pure bene, se servissero a regolare le cose senza salassi allucinanti, anche solo per togliere quegli schifosi parassiti degli abusivi.

    Rispondi
  4. Niko46
    Niko46 dice:

    Al mare di domenica (in agosto) è esemplificabile in un solo termine: suicidio.Dovresti ragionare al contrario: quando tutti vanno al mare tu ti godi la città deserta e quando la città è strapiena tu ti godi il mare (semi)deserto… E eviti le folli code in autostrada per tornare a casa…

    Rispondi
  5. Ferro
    Ferro dice:

    La mia esperienza lacustre dice lo stesso: domenica pomeriggio, come pure sabato sera, impraticabile, è tutto un coda-parcheggio-appostamento-coda. Me ne sto in città a decompormi dal caldo, piuttosto.

    Rispondi
  6. LuciusDay
    LuciusDay dice:

    Quest'anno, col fatto che sono in Germania in Erasmus, ho fatto solo un (dico UNO) giorno di mare. E quel giorno era esattamente come tu lo descrivi. La gente arriva quasi a uccidere per un parcheggio! Della serie "Delitti sotto l'ombrellone"…xD

    Rispondi
  7. Ma. non sa
    Ma. non sa dice:

    Sottoscrivo tutto quel che hai detto tu e pure i commenti.Io d'estate di solito giro in vespa, dico solo che, piuttosto di riprendere l'auto, un giorno mi sono portata dal super a casa il cocomero nello zaino!

    Rispondi
  8. Bri
    Bri dice:

    e ricordati che quest'inverno, quando farà freddo e ci congeleremo le punte dei piedi, rimpiangeremo amaramente le domeniche di agosto e le file per il parcheggio!

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.