La mia personale e discutibile opinione sulla k

Ho un problema, lo ammetto. Sono intollerante alla k. Non la vitamina K, no: la cappa. Non intendo la cappa del camino, ovviamente, e nemmeno la cappa di caldo che ci sfianca nei pomeriggi d’Agosto, e nemmeno i racconti di cappa e spada, per quanto non costituiscano il mio genere letterario preferito. Intendo la lettera k inserita in parole italiane – parole italiane, quindi “okay”, “Kylie Minogue” e “bukkake” non valgono. Non ci posso fare niente: io non la posso sopportare. E se tu la usi perdi automaticamente cento punti nella mia personale classifica di stile. 
 
E, Dio Santo, la mia classifica di stile è molto influente.
 
 
28 commenti
  1. gegge
    gegge dice:

    Ci vuole tolleranza…e ke kakkio.tutto è nato a causa del costo degli sms e della necessità di far entrare il messaggio nei 160 caratteri….ed allora con la K si risparmiava almeno un carattere…pero' oggi con le email internet ecc la scusa non dovrebbe più reggere!

    Rispondi
  2. Grace (ma gnappetta della Val Gina)
    Grace (ma gnappetta della Val Gina) dice:

    Sono stradAccordo..Pensa che per non chiamarla K, ogni volta che mi reco a comprare una lampadina dal mio negoziante di materiale elettrico di fiducia, dico:- Mi serve per l'elettrodomestico che serve a eliminare i fumi e i vapori della cottura dei cibi.LUI mi guarda sempre male, ma ha capito che non deve pronunciare la parola CAPPA se non vuole farmi sCAPPAre dal negozio senza aver fatto acquisti. Hahahahah!!!

    Rispondi
  3. Laila Bloom
    Laila Bloom dice:

    COMPLETAMENTE D'ACCORDO. E comunque è personale, l'opinione, ma non discutibile!Tendenzialmente se vedo la k in un commento o in una discussione, rinuncio a leggere a priori: mi sembra il minimo. E chi mi scrive con la k… non ha speranze!

    Rispondi
  4. Zeppo
    Zeppo dice:

    Ammetto di averne fatto uso nei miei primi anni di cellulare. Mi ci è voluto un po' per disintossicarmi, ma poi ho scoperto con mia somma sorpresa di riuscire ad avere doti di sintesi alternative per rientrare nei 160 caratteri senza "ke" e senza "x'".Condivido ad ogni modo il tuo punto di vista, nonché la bassa soglia di tollerabilità di fronte al cellularese.

    Rispondi
  5. WhereIsMyMoon
    WhereIsMyMoon dice:

    Non avevo mai pensato al fastidio che provoca la CAPPA ma provo un intolleranza sfacciata per chi usa le abbreviazioni, del tipo “cm stai?, ke dici?, nn ho cpt?, tt bn?” eccetera… Posso dire di essere una razzista in questo senso, anche perché la lingua italiana (che è il pilastro portante, secondo me, di questo paese)è, purtroppo, sempre meno usata, soprattutto tra i giovani (di cui faccio parte, ma in cui non mi identifico)!

    Rispondi
  6. Ale [Tredici]
    Ale [Tredici] dice:

    @Nora: è un elemento necessario, direi! :)@gegge: negli sms infatti lo tollero, anche se effettivamente esistono modi per abbreviare che trovo esteticamente più gradevoli. Qua mi riferisco a quando lo trovo su facebook o su internet in generale, dove non ci sono scuse!@Alessandra: ahahahahah è vero!!! Però no, non mi convinci :P@Grace: ghghgh beh se lui ti capisce vuol dire che è d'accordo! O ti crede pazza :P@CoffeeGirl: ma infatti odio Kekko dei Modà e anche tutti i Modà e le loro canzoni@U (anche detto Coda di Paglia): non è per gli sms il problema, se il motivo è il risparmio giustifico praticamente ogni cosa, lo sai bene!@Laila Bloom: infatti. Però io sono a un livello così patologico che non decido consciamente di rifiutarmi a leggere. È proprio una cosa inconscia: io vedo una k e automaticamente ed istintivamente la persona per me diventa idiota e ignorante!@El_Gae: kapito, sì! :D@Piereffect: ahahahah io devo ringraziare Immanuel Casto per questo :P@Zeppo: io all'inizio scrivevo pure cmq. Diosanto!@Betty: okay (e simili forme storpiate) riesco a tollerarlo perché lo riconduco all'inglese :)@Ladybug: A Leo Ortolani perdono qualsiasi cosa: anche "qual'è" con l'apostrofo! <3@Rikkardo: <– leggi come ho scritto il tuo nome e rabbrividisci!

    Rispondi
  7. Ale [Tredici]
    Ale [Tredici] dice:

    @WhereIsMyMoon: già, ed è un peccato che non sia usata. Io trovo che la lingua italiana debba essere considerata come un'opera d'arte. Come non vado a sfregiare la Pietà di Michelangelo, non devo nemmeno mancare così di rispetto a una lingua. Mi spiace, ma in questo senso sono un conservatore (accetto solo i neologismi e alcuni inglesismi).

    Rispondi
  8. WonderDida
    WonderDida dice:

    bravo. concordo.io pure negli sms scrivo tutto per intero. se devo dire più parole di quelle che stanno in 160 caratteri, telefono che faccio prima.a quando la difesa del congiuntivo?

    Rispondi
  9. Ale [Tredici]
    Ale [Tredici] dice:

    @all'aria: kolpa mia, sì! :)@WonderDida: se difenderei anche il congiuntivo, mi sentissi un po' ripetitivo. Magari più in là :P@Riccardo: beh, le parole che vogliono la k le accetto molto volentieri con la k. Quindi vada per Kiss, kiwi, kaki (ma si può dire anche cachi!)@BettyBryce: Cacchio, ma se chiami tua figlia Veronikaconlak, sembra che già le spiani una carriera nel mondo hard ._.@Valeh: i genitori volevano fare il record di quante lettere straniere riuscivano a mettere in un nome, forse 😛

    Rispondi
  10. Cate
    Cate dice:

    per dire, ho chiuso un'amicizia con una tipa che sostituiva il "ch" con la cappa perché, a suo dire, "si devono ottimizzare i tempi". date le sue (in)capacità organizzative – nonché mentali – magari li ottimizza anche durante il fatto igienico (con rispetto parlando).

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.