Di come ho scoperto la verità su Babbo Natale

On air: Edoardo Bennato, Quando sarai grande
Lo so: è troppo presto per un post sul Natale. Non solo, ma nessuno sente il bisogno di un post sul Natale… adesso. Tre giorni fa mi sono svegliato spalancando gli occhi e gridando Oh no: tra un mese è Natale. E sono stato male tutta la giornata perché quella consapevolezza si era impadronita di me e mi lacerava l’animo. Un po’ come il verme solitario, insomma.
Comunque, vorrei esorcizzare questo mio disturbo intestinale parlandovi di come ho scoperto la verità su Babbo Natale. È stato quello stronzetto di Nicola F, in terza elementare. Io ero (ero?) ancora un ingenuo bimbino che in quel momento stava fantasticando sui regali che Babbo Natale gli avrebbe portato di lì a poco, e lui con fare subdolo e un ghigno malvagio mi fa Ma guarda che non esiste.
Io che ero (ero?) bravo e buono e bello, non riesco a credere ad una cosa del genere. Quindi vado da quella che per me era (era?) la massima autorità in qualsiasi campo, la detentrice della verità: LA MAESTRA LEDA. “Maestra, maestra, ma Nicola ha detto che Babbo Natale non esiste!” Oddio che antipatico che ero. (ero?)
E lei? Si mette a ridere. E dice di chiedere ai miei genitori.
Okay. Torno a casa e con fare molto pratico e solenne raduno mamma e papà in salotto. “Mamma, papà, ma Nicola ha detto che Babbo Natale non esiste.” Stavolta non metto il punto esclamativo finale, ma il punto fermo. Come a dire che il sottotesto era: vorrei che mi forniate una spiegazione esauriente, grazie. E loro si guardano. E poi cominciano a spiegarmi tutto, che non esiste davvero, che erano loro che prendevano la lettera, la leggevano e andavano a comprare i regali, che non bisognava dirlo a mia sorella (che poi quella farabutta lo scoprì ma finse di non saperlo, perché lei è quella furba dei due), che era nonno che buttava i dolcetti sulla parete in modo che sembrasse che cadessero dal soffitto…
Io ascolto tutto e comincio ad elaborare. Ero (ero?) un bimbino piuttosto razionale, quindi non accusai troppo lo shock, ma cominciai subito a pensare. Quando giunsi alle mie conclusioni, dovetti chiarire un ultimo punto. E feci:
“Ma la befana esiste però, vero?”

7 commenti
  1. perennementesloggata
    perennementesloggata dice:

    io non mi ricordo mica come ho scoperto che babbo natale / gesù bambino non esistono.devo ricordarmi di chiedere a mamma.di certo mi ricordo quand'era piccola mia sorella che le si faceva credere che uno dei due passasse quando eravamo alla messa di mezzanotte e prima di andar via lasciavamo un piattino coi biscotti ecc sul tavolo e quando rientravamo suonavano le campanelline.che magia!!vorrei riscoprirla 🙁

    Rispondi
  2. Ale
    Ale dice:

    @perennementesloggata: da noi non c'è mai stata la cosa dei biscotti, però è un'idea carina! Tanto per rendere un po' più horror la cosa :D@Alessandra: sono *sempre* i compagni di scuola! Grr!!!@Alan: ahah I tried, you know? They still believe in God…

    Rispondi
  3. mez°
    mez° dice:

    ahhahahhah meeraviglioso!A me situazione più o meno simile…forse seconda elementare…o prima addirittura…con un'unica differenza…volevo a tutti i costi comunicarlo a mia sorella (di 3 anni) perchè, a mio avviso, anche lei doveva essere messa a conoscenza della verità. Finale? Lei che disperata correva per casa piangendo ed urlando "ma io voglio che esisteeeee…io lo voglio Babbo Natale….voglio che esisteeeee". Una giornata che posso definire indimenticabile.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.