Call me Alejandro

Scrivere questo post non è solo un dovere morale causato dall’assonanza del mio nome con quello della canzone di Lady Gaga, né solo l’obbligo autogenerato da una mente completamente devota all’artista appena menzionata; no, scrivo questo post anche e soprattutto per un bisogno fisico. La fisicità del caso è data dal fatto che ormai le persone mi fermano per strada chiedendomi il significato di Alejandro. Dover ogni volta ripetere la mia versione a tutti, e doverla ogni volta confrontare con quella di tutti, e dover ogni volta ignorare il tuttologo di turno che sbraita che “quel video non vuol dire un cazzo” è, tutto sommato, deleterio per il mio tempo che, diciamolo, non è infinito.

Per carità, non voglio essere frainteso: sono contento se le persone mi identificano come fan di Lady Gaga. Diciamo che se non fossi contento eviterei di indossare la spilla che mi hanno regalato, di avere come nome “Alejandro” su facebook, e magari anche di canticchiare Ooooohooooohohohcaugthinabadromance in coda alla mensa. Non credo sia questo il luogo per parlare del perché mi piaccia Lady Gaga. Non per la profondità dei suoi testi, se vi può far dormire meglio. Piuttosto, per il suo essere volutamente trash; per la cura e l’esattenza con cui ricerca i dettagli che danno vita al suo personaggio; per il suo voler stupire, osare, rischiare sempre di più. E, sopratutto, perché mia nonna si è scandalizzata nel vedere il video di Bad Romance e ha iniziato a urlare a mia sorella di “togliere subito quella roba dalla televisione, ma che cosa fai vedere ai tuoi cuginetti?!“.

Ma torniamo al post. Alejandro

I know that we are young
And I know that you may love me
But I just can’t be with you like this anymore
Alejandro

She’s got both hands
In her pocket
And she won’t look at you (won’t look at you)
She hides true love
En su bolsillo
She’s got a halo around her finger
Around you

You know that I love you boy
Hot like Mexico
Rejoice
At this point I’ve gotta choose
Nothing to lose

Don’t call my name
Don’t call my name
Alejandro
I’m not your babe
I’m not your babe
Fernando
Don’t wanna kiss
Don’t wanna touch
Just smoke my cigarette and hush
Don’t call my name
Don’t call my name
Roberto

Alejandro
Alejandro
Ale-Alejandro
Ale-Alejandro-e-ro

Stop
Please, just let me go
Alejandro
Just let me go

She’s not broken
She’s just a baby
But her boyfriend’s like her dad
Just like a dad
And all those flame that
Burned before him
Now he’s gotta firefight
Got-cool the bad

You know that I love you boy
Hot like Mexico
Rejoice
At this point I’ve gotta choose
Nothing to lose

Don’t call my name
Don’t call my name
Alejandro
I’m not your babe
I’m not your babe
Fernando
Don’t wanna kiss
Don’t wanna touch
Just smoke my cigarette and hush
Don’t call my name
Don’t call my name
Roberto

Alejandro
Alejandro
Ale-Alejandro
Ale-Alejandro-e-ro

Don’t bother me
Don’t bother me
Alejandro
Don’t call my name
Don’t call my name
Bye Fernando
I’m not your babe
I’m not your babe
Alejandro
Don’t wanna kiss
Don’t wanna touch
Fernando

Don’t call my name
Don’t call my name
Alejandro
I’m not your babe
I’m not your babe
Fernando
Don’t wanna kiss
Don’t wanna touch
Just smoke my cigarette and hush
Don’t call my name
Don’t call my name
Roberto

Alejandro
Alejandro
Ale-Alejandro
Ale-Alejandro-e-ro



La canzone in sé non dovrebbe essere molto difficile da interpretare. Una ragazza che in qualche modo deve rifiutare tre uomini – o uno solo, chi ci dice che non sia la stessa persona? Da qualche parte ho letto che lei è in un harem ed è costretta a rifiutare gli amori offerti dai tre a causa della paura che ella nutre per il “mostro del sesso”. Anche senza andare troppo nel profondo, io penso che semplicemente si parli di un abbandono e di una sofferenza per amore. Ma il ritmo e l’atmosfera latineggianti lasciano che la canzone scivoli via piacevolmente, tra un ballo e un altro, senza appesantire troppo gli animi. Parliamo pur sempre di musica pop dance, il cui scopo è tendenzialmente quello di divertire.

Tutt’altro discorso vale per il video. Qui l’estro di Lady Gaga esplode in quasi nove minuti di pellicola in cui lei ha tutta la libertà di fare metafore, allegorie e – per nostra fortuna e delizia – provocazioni. Ho letto su internet varie interpretazioni. Una che mi ha colpito in particolare, che girava su facebook e che mi è stata riproposta anche questa sera (durante l’ennesimo dibattito sulla canzone), vede la triade composta da Alejandro, Fernando e Roberto paragonata ai tre mali che, secondo Lady Gaga, affliggono il mondo: la violenza (la guerra), la discriminazione (l’omofobia) e l’ipocrisia (della Chiesa). Riguardando il video più volte ho scoperto che questa spiegazione non mi convince troppo, perché si possono notare dei dettagli che vanno contro la suddetta interpretazione. Un’altra, invece, porrebbe Lady Gaga come regina indiscussa del nuovo Satanismo, in quanto elenca tutti i simboli del video che possono essere ricondotti al Male. Penso che neanche Lucifero stesso li conosca tutti, ma fortuna che esiste l’esperto e che ha un blog.

La mia personale – e discutibile – interpretazione parte dal fatto che la protagonista del video sta male: ce lo comunica con un’atmosfera gotica che introduce il funerale di qualcuno, o di qualcosa. Il cuore che sfila sotto la freddezza di una lugubre Lady Gaga sta a indicare semplicemente la morte. Negli ultimi frammenti del video, attraverso vari flash illuminanti, ci viene spiegato chi è morto: un ragazzo, pare un soldato, che brucia in un contesto urbano. Probabilmente è suo il cuore che non pulsa più, ma questo ci viene mostrato solo alla fine del video. La parte centrale mostra le conseguenze che ha questa perdita su Lady Gaga: vediamo che comanda dei militari piuttosto violenti e spietati; vediamo lei che si rifugia nelle perversioni di uomini che, per quanto si sforzino, non potranno mai darle ciò che vuole; vediamo lei che cerca aiuto in un Dio completamente impotente, e infatti lei stessa finisce per sottometterlo. Questi tre aspetti, alternandosi senza un ordine preciso e mischiandosi tra loro, sono anche – ovviamente! – il pretesto per lanciare nuove provocazioni. La musica non è più solo musica; è immagine, e Lady Gaga si sa vendere decisamente bene. Lo dice lei, che è una “freak bitch”!









P.S. Mi scuso con la serietà con cui ho concluso questo post. Avevo iniziato molto ironicamente, poi ho deciso di prendere una piega pseudo professionale, che spero sia stata apprezzata. Ad ogni modo, sempre lunga vita alle scemenze!



4 commenti
  1. Lorenzo
    Lorenzo dice:

    Amo la Germanotta come amo i video di Marilyn Manson, pur non essendo un fanatico della musica di nessuno dei due. Amo la loro intelligenza. Se trasgressione deve essere, facciamola bene, curandola nei minimi particolari. Direi una trasgressione elegante. Perchè poi si sa che è tutto un gioco. Mi immagino i due a casa loro in pantofole a fare zapping.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.