Il cercatore di fortuna

La fortuna non può essere imbottigliata in una fialetta. Può accadere nel mondo dei maghi, forse, ma nel mondo dei maghi ci sono anche i draghi, e gli elfi domestici e le fotografie si muovono. Nel nostro mondo – asfalto, cotone sintetico, crociere e televisioni – non si può.

Però pensavo che si potesse… cercare, quantomeno. Perché se una cosa esiste davvero, da qualche parte deve trovarsi. Così mi sono deciso. Volevo andare a caccia di fortuna. Sì. Da dove cominciare? Non in casa di certo. In casa non succede niente. La casa è un posto bellissimo perché ti protegge ti culla ti fa sognare, ma sicuramente la fortuna non si trova lì. Allora ho preso la bici, mi sono infilato le cuffie alle orecchie, e sono andato a cercare a Lucca. A Lucca, perché una mia cara amica mi aveva detto che l’aveva vista spesso girare a Lucca. Magari l’avrei vista anch’io.

Quindi, dicevo: bici, mp3 e via verso la città. L’ho setacciata. Ho percorso stradine che non sapevo nemmeno esistessero. Ho vagato per viottoli, vie, viali. La cercavo, speravo che potesse essere da qualche parte, immersa tra i turisti e il caldo. Sono stato nei parchi giochi, in tutti: magari la fortuna porta i cuginetti o i nipotini a divertirsi sull’altalena. Ho fatto un giro di mura, perché c’era la possibilità che facesse footing. Velocemente (per assicurarmi di visitare ogni angolo della città ero in bici, infatti) analizzavo ogni faccia: quelle intente a scegliere i vestiti nei negozi, quelle sdraiate ai baluardi, quelle sedute sui gradini di un ingresso…

Mentre giravo, pensavo a cosa avrei potuto dirle se l’avessi trovata. Oh, ciao Ale, che giri qui in città? Ciao fortuna, cercavo… te. E magari a quel punto avrebbe sorriso. Perché io penso che faccia sempre piacere essere cercati, anche se magari quello che ti cerca non è il tuo tipo. E allora avrei detto: Sai, fortuna, io devo dirti una cosa. E’ tanto che ci penso e devo proprio parlarti. Hai cinque minuti, o magari venti, o anche un’oretta intera? E a quel punto mi avrebbe preso per mano e saremmo andati in un luogo dove poter parlare senza essere ascoltati, io le avrei detto la verità; e l’angoscia – quella sensazione di non finire mai di annegare – sarebbe finita una volta per tutte.

Niente, nessuna traccia di fortuna quel giorno.

Ci ritornai il giorno dopo, e il giorno dopo, e il giorno dopo ancora. Niente, niente e ancora niente. Solo ieri mi è sembrato di vederla dentro il Re-wine. Era di spalle, e non ero così sicuro che fosse lei, per cui dovetti controllare di nuovo. Passai cinque o sei volte davanti al pub, come un imbecille. Alla quinta volta era seduta con un uomo, sempre dandomi le spalle, coperte da una maglia verde. Mi sembravano i suoi occhiali, ma non ne ero certo. Alle orecchie non aveva accessori ed era strano perché mi avevano detto che ne porta sempre. Non potevo andare via: dovevo assicurarmi che fosse lei. Allora mi fermai vicino all’ingresso, e feci finta di controllare il cellulare. Dopo cinque minuti uscì la persona con la maglia verde, ma non era lei. Sono tornato a casa un po’ triste, ieri. Deluso, e con il tormento a fermentare sotto l’epidermide.

Morale della favola: non ve la dico. Bene bene, pappappero. Non ve la dico per due motivi. Il primo è che è la verità, e la verità fa male, e io non voglio fare del male ai miei pochi lettori – non direttamente, almeno. E il secondo è che è tremendamente più utile se ci arrivate da soli.

3 commenti
  1. Niko
    Niko dice:

    Alle volte la fortuna aiuta gli audaci…Poi si sa, più la cerchi e meno la trovi, e se non la cerchi… lei si offende e ti manda la sorellastra sfortuna a cui fa sempre piacere farti visita… 😉

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.