Venti

E’ tutta questione di e. Con l’accento acuto lascia l’odore della tempesta. Con quello grave diventa una parola pesante, un tonfo sordo che rimbomba. Vènti. Vénti. Che disperazione, e non è un gioco.

Mi sono semi-depresso. La giovinezza è l’unica cosa che merita di essere posseduta – dice Sir Henry Wotton – e io mi sto allontanando dalla mia.

E’ quel due che dà fastidio. Quel due prima dello zero.
E’ una cifra che apre i cancelli di nuove prospettive, che segna i confini di due mondi distinti. Ora c’è il nuovo da esplorare, quello degli Enti.
Qualcuno mi ha detto che passerà in fretta, qualcun’altro mi ha rassicurato che è il migliore. Ne ho concluso che dipende da come lo si vive.

Quindi, con un milione di buoni propositi nel cuore, e altrettanti cattivi propositi nei denti, sono pronto ad affrontare gli Enti. Che lo spettacolo cominci!


5 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.