Vade retro Facebook

Ehssì, avete letto bene: ho deciso di smettere.
Curioso come questa frase ricordi tanto quella di un tossicodipendente che decide di dare una svolta radicale alla sua vita. Sì, curioso, anche perché io mi riferisco a tutt’altro genere di droga.
La droga delle droghe, la fonte di ogni distrazione, il luogo dove la curiosità (e ficcanasaggine) umana raggiunge il suo apice.
FACEBOOK.
Hanno aperto una comunità di recupero vicino a casa mia, dicono che in una settimana riescono a farmi tornare normale. “Certo – hanno detto, notando subito la speranza nascermi negli occhi – il primo periodo sarà più difficile. Ti sembrerà che qualcuno ti abbia amputato un arto. Ma con un po’ di impegno ce la farai“. Queste parole mi hanno dato forza, una grande forza.
Ce la farò, ce la posso fare. Yes we can!
Certo, mi prendono gli attacchi di tristezza se penso che non giocherò mai più a Geo Challenge (dannata Islanda, è irriconoscibile!). Se penso che non mi iscriverò più a nessun gruppo… Oh, e come farò a rimanere ignorante sulle situazioni sentimentali dei miei amici? E poi… e poi i test, non saprò mai che tipo di automobilista sono, o qual è la mia droga preferita, o chi sarei stato nella mia vita successiva! E le pagine fan: non potrò mai più diventare fan di Topo Gigio, di Anacleto, della colla vinavil, di dormire. Oh, me tapino! Sono condannato a un’esistenza senza più friend request, senza lo strumento “persone che potresti conoscere”, senza applicazioni! Che vita insulsa, che insulsa vita.
Ma poi mi dico: ce la posso fare. Lo farò per chi è più sfortunato. Lo farò per chi inserisce il nome utente e la password e poi non trova richieste di amicizia nella barra degli aggiornamenti. Lo farò per chi ha un cognome comune e gli amici non riescono ad aggiungerlo. Lo farò per chi ha 239 amici su facebook ma nessuno di loro lo saluta se lo incontra per strada.
Sì: queste persone mi danno la forza di farlo. Ce la farò. Sarò più forte di chi continua. Io posso farcela. Io posso farcela. Se lo dico altre cento volte forse mi convinco.

2 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.