Nero Natale

Questa è un’abitudine che avevo sul vecchio blog e che vorrei tramandare anche a questo. Si tratta di un sistema sintetico per informare i miei – pochissimi – lettori che sono vivo, anche se non scrivo da tempo. A volte sono frasi incomprensibili, altre sono chiarissime. A me piace particolarmente quando a capirle possono essere in pochi eletti, perché ho notato che poi gli altri si arrovellano il cervello per trovare un significato che la maggior parte delle volte non corrisponde a verità. Si parta, dunque, con le definizioni sbrigative.

Computer nuovo: semplicemente splendido.
Compitini: per lo meno sono finiti.
Albero-di-Natale-in-Piazza-Anfiteatro: sgomento puro.
Capodanno: uffa.
Record da disco: secondo me ci vuole l’applauso.
Armadio: mission impossible.
Lenti a contatto: mission forse un po’ più possible.
Colla da decoupage: 24 euro?! Siete impazziti?
Twilight saga: prima o poi la finirò!
Casa del Bottone: neanche pensavo potesse esistere, un posto del genere.
Golden: è ufficiale, porta male.
Gomma: Giuli, è ancora nel mio astuccio! E tu hai la mia penna!
Parcheggi: circa dodicimila manovre.
El Paso: stavolta non ho rischiato di morire.
Regali: lo stretto indispensabile, delegato a mia sorella.
Natale: Nero Natale. Nero nero nero Natale.

4 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.