Esclusivo: ho scoperto a cosa serve twitter

Era venerdì sera, e io avevo due ore di tempo prima che i miei amici mi venissero a prendere per portarmi a vivere la notte. Ho sempre voluto dirla, ‘sta cosa del vivere la notte, fa così tanto pubblicità di una birra a target giovanile.
Avrei potuto impiegare il tempo in milioni di modi socialmente utili. Andare avanti con la tesi, leggere un saggio russo, sgranare i fagioli.
E invece mi sono connesso a twitter.
Sì, su twitter sono simpatico come una chiave inglese su per il naso. È che mi devo adeguare agli standard di snobbismo, capite. Comunque, non contento di aver già perso abbastanza tempo, dopo poco pubblico un secondo tweet. E poi un terzo.
Tralasciando la mia ironia indubbiamente meritevole di una testata ben assestata, la cosa interessante è che i miei follower iniziano a rispondermi.
Dopo che Michela mi fa vedere un estratto di Friends in cui Ross viene sputtanato per i suoi pantaloni di pelle, rinuncio definitivamente all’idea di indossarli. Tra l’altro ne avevo già parlato qui dei miei skinny di pelle, e del fatto che sono praticamente impossibili da togliere da sobrio. Comunque, mi viene in mente un’idea GENIALE. 
La risposta del popolo di twitter è entusiasta. Neanche a X Factor votano così in tanti.
 
 
In preda al panico per la marea di pareri ricevuti, decido di chiamare il mio amico Ciuffo per un’ultima, definitiva consulenza. E ovviamente twitto il responso.

. . .
Grazie a micaMichela posso finalmente farmi una bimbominkiosissima foto nel bagno e soddisfare il mio ego. Ho aspettato questo momento da secoli.
Ed è così che ho scoperto a cosa serve twitter: a NIENTE. Però devo ammettere che, a volte, riesci ad ottenere qualche soddisfazione
Adesso mi sento definitivamente arrivato.
35 commenti
  1. Lorenzo Bises
    Lorenzo Bises dice:

    ALEEEEEEEEEEEEE.Ma una bella canotta no?Che ritorno in disco è senza canotta?Questo post mi è piaciuto un sacco, non so dov'ero quando avevi bisogno di consigli, forse divoravo un aperitivo, mi sarebbe piaciuto entrare nella conversazione sulla maglietta pigiama.Eri carino, ma non hai svelato il toto-limone, quello ci interessa.L.

    Rispondi
  2. poison
    poison dice:

    ah ah ah ah ah ah ah ah ah!scusa. è l'unica reazione che riesco a produrre quando leggo "flaviavento".aggiungerei anche, con la classe che mi contraddistingue "mimchia che culo!", ma non vorrei esagerare… 🙂

    Rispondi
  3. Amleto
    Amleto dice:

    Nani potevi indossare una bella camicia! Comunque, io non ho continuato perché sono uscito, tanto i miei suggerimenti non li ha seguiti :(Io tra i miei follower ho Carla Gozzi, lei ha iniziato a seguirmi ed io ho ricambiato! Ecco, me la meno pure io 😉

    Rispondi
  4. Rabb-it
    Rabb-it dice:

    Guarda che sei stato moooolto fortunato.Ci sono persone che per non far sapere che non tengono una beneamata da fare il venerdì sera spariscono dai social network per tornarvi al lunedì, invece i tuoi follower ti hanno fatto avere il loro supporto incondizionato.uhm… mi sa che la prossima volta mi limito a leggere. è divertente uguale.^_^P.S.Ah e grazie che non te la sei presa per la foto presa senza permesso.

    Rispondi
  5. unfollower_da_oggi
    unfollower_da_oggi dice:

    “Io sono andata in chiesa e non chiedetemi cose sulla chiesa, per me se due gay si amano devono vivere insieme, ma non fare un matrimonio in chiesa con l’abito bianco, no”. “Trovo assurdo che due gay possano adottare un figlio”.Flavia Vento

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Rispondi a Michela Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.