Il metaforizzatore

E insomma ero lì davanti al mio progetto di Costruzione di Interfacce che cercavo di capire che coordinate deve avere un quadrato se voglio che sia ritagliato da un rettangolo di cui conosco solo il centro. Molto spesso in informatica uno schermo non basta: se vuoi capirci qualcosa, devi ricorrere a carta e penna e iniziare a disegnare, come faceva Pitagora per calcolare l’ipotenusa o i terroristi di al-Qaida per decidere come dirottare gli aerei.
Sono lì di fronte al mio disegnino quando mi accorgo che ho sbagliato un punto. Ohibò, ho bisogno della gomma per cancellare. La cerco nell’astuccio, ma non la trovo. Può essere che l’ho lasciata a casa, oppure l’ho persa, ma ad ogni modo alcune immagini mi attraversano la mente come tante, velocissime illuminazioni. Flash: non posso cancellare. 
Flash: quel che è fatto è fatto. 
Flash: le mie azioni sono indelebili. 
Flash: se non hai una gomma non puoi tornare indietro.
ALLARME TRIP! ALLARME TRIP! ALLARME TRIP!
Conclusione letale: la vita è un disegno fatto quando non hai la gomma nell’astuccio.
Ora, non ci ho messo molto tempo a capire che questa è sicuramente la più brutta metafora che sia mai stata enucleata da una mente umana. Ma capite, io non lo faccio apposta. Semplicemente le cose mi accadono come accadono a tutti ma io ci vedo dietro una specie di insegnamento da cogliere. È un po’ come essere una versione non retribuita di Fabio Volo.
A volte tiro fuori delle vere e proprie perle: l’altra sera mi mettevo le lenti a contatto davanti allo specchio sicché è scattata l’epifania che se ti avvicini a te stesso puoi agire in maniera più precisa. Se volete creare una bella metafora, mettetevi davanti a uno specchio, che favorisce il parto di tutte quelle cose che riguardano il sé stessi, credo facciano così anche quelli che scrivono le serie di Disney Channel. 
Comunque. Forse non creo delle belle allegorie, ma bisogna dire che sono prolifico. Forse potrei aprirci un’attività, e fare il metaforizzatore. Tanto, voglio dire, il mondo è pieno di mestieri nuovi di cui non si conosce nemmeno il nome. Che lavoro fa Mara Maionchi?, per dire. Nel frattempo torno al mio progetto di Costruzione di Interfacce, ma sappiate che se volete una metafora, ai miei lettori faccio uno sconto.
23 commenti
  1. Dracoo
    Dracoo dice:

    La Maionchi fra la produttrice discografica :PChe poi faccia la pubblicità della Telecom o il giudice di XFactor è un'altra storia… non prenderà abbastanza soldi!Ieri ero a tanto così |——| da investire Fabio Volo con l'auto, occasione perduta.

    Rispondi
  2. plus1gmt
    plus1gmt dice:

    non solo la vita è un disegno fatto quando non ho la gomma nell'astuccio, ma per di più con le squadre e i righelli sporco sempre il foglio. Per fortuna arrivo alla sufficienza grazie alla storia dell'arte.

    Rispondi
  3. Olòrin
    Olòrin dice:

    la metafora è fighissima…e te sei meglio di Fabio Volo…(adesso aspetto solo di incontrarti in bicicletta in Brera a Milano, come incontrai lui…poi bingo!)Ma poi…l'hai trovata la gomma? xD

    Rispondi
  4. Ale [Tredici]
    Ale [Tredici] dice:

    *** INFO ***Ho cambiato la vignetta dei Peanuts in fondo al post. Ho cercato quella vignetta per un sacco di tempo ieri, senza trovarla. La pagina facebook "La filosofia dei Peanuts" me l'ha trovata e io sono arci-contento :)P.S. Grazie mille di tutti i commenti! Mi sembra ancora molto strano che troviate bella la mia metafora iniziale, ma prendo atto della cosa e vi cuoro un mucchio ♥ 😀

    Rispondi
  5. Courtney
    Courtney dice:

    Vedi a cosa servono le 3 gomme che ho nell'astuccio???Sappi che ti sfrutterò nel cercare la metafora nascosta dietro al fatto che ogni volta che lancio una salvietta struccante nel bidone non lo centro mai.

    Rispondi
  6. Giulia S.
    Giulia S. dice:

    Devi assolutamente metterci il copyright sulla metafora della gomma! Che poi al giorno d'oggi non si usano più le gomme. Le persone scrivono al computer e quindi se sbagliano ci mettono un secondo a cancellare il tutto, come se non fosse mai esistito. Invece se decidono di usare il vecchio e romantico foglio di carta lo strappano e lo buttano via ricominciando daccapo. Le persone non vogliono ricordare i propri errori. Giulia

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Rispondi a Ale [Tredici] Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.