Skinny genes

Se non è periodo di saldi, ci sono due soli modi per sfogare le proprie preoccupazioni: bere, e creare scoiattoli di pongo. Considerando che non posseggo del pongo, è stata una vera fortuna che il 2 Luglio siano iniziati i saldi. E, in effetti, la mattina stessa del 2 Luglio io ero per le vie di Lucca con una carta di credito che ad ogni tocco sussurrava “Usami, usami, passami tutta”.
Cercavo un paio di pantaloni scuri, preferibilmente marroni, così sono andato nel luogo che considero la mia seconda casa: la Sisley. Il commesso mi saluta, ridendo sotto i baffi: praticamente vede più me che sua madre. Una volta “fu costretto” a darmi il suo numero di telefono, perché gli avevo chiesto se mi metteva da parte un paio di pantaloni perfetti che volevo ma che in quel momento non potevo pagare.
E così mi ritrovo a girottolare per il negozio, finché li vedo. Illuminati da una luce mistica, mi si presentano in tutto il loro splendore intanto che una musica sacra fa da sottofondo alla scena. Ignorando i vari Alleluja che i folletti del mio cervello si mettono ad intonare, mi precipito a controllarli. 
Sconto del 30%, neri, cuciture marroni, taglia 29, e terribilmente skinny.
Non ho mai avuto dei jeans skinny, che per chi non lo sapesse sarebbero dei pantaloni molto molto aderenti. Non li ho mai avuti forse perché non mi piacevano molto addosso agli altri, e inoltre sono solito associarli a un certo tipo di essere umano che non è il mio ideale di persona. Però… l’abito non fa il monaco, e bla bla bla, e incedo verso il camerino. 
Ho indossato la sacra veste, e ho notato con meraviglia di essere effettivamente molto magro. Poi chiamo la signorina (evito il commesso di prima perché davvero mi conosce ormai troppo bene: una volta gli ho chiesto di tradurmi in francese una poesia!) che mi dice – sotto mio ordine – che mi stanno davvero benissimo soprattutto sul culo. Autostima ++. Per sicurezza chiamo anche mia sorella, che nel frattempo si era imboscata nel reparto donna, che mi dice – sotto mio ordine – che mi stanno davvero benissimo soprattutto sulle gambe. Autostima ++.
Non ero ancora del tutto convinto che fossero i pantaloni adatti a me. Tuttavia mi accingo a pagarli, visti lo sconto e il desiderio di avere qualcosa di diverso nel guardaroba.
Arrivo a casa con l’intento di mostrare ai miei cosa i loro soldi mi hanno permesso di avere. Indosso i jeans e torno in cucina a farmi ammirare.
Sbiancano tutti.
Mia mamma comincia a ripetere il termine “stecchino” a intervalli irregolari, intanto che scuote la testa fissando la sua insalatina triste. Mio padre, dopo circa dieci minuti di gelido silenzio, afferma che sembro un bimbo del Biafra.
Il commento del mio amico Ciuffo è stato Uuuh! con tanto di sospetta sgranata d’occhi, la quale gli è costata una sequenza di domande del tipo: 1) Perché hai detto Uhhh? 2) Mi stanno davvero bene? 3) Lo giuri? 4) Su cosa? 5) Non vedi mica le rotule?
La mia amica Giuli, studentessa di Medicina, ha colto l’occasione del giudizio sui miei nuovi jeans per farmi un riassunto delle sue lezioni di anatomia: “Vedi Ale, qui c’è la patella”…
Autostima –.
Devo dare una conclusione a questo post, e lo faccio volentieri snocciolando cosa ho pensato alla fine di tutto. E ho pensato due cose.
La prima è che, al di là di cosa pensano tutti gli altri, rimango comunque uno strafigo. (***WARNING: allarme sfasamento del livello di autostima, pericoloso avvicinamento al delirio di onnipotenza***)
E la seconda è che, mal che vada, potrei incontrare qualcuno come Eliza Doolittle, a cui non piacciono gli skinny, perciò sostiene che…

I really don’t like your skinny jeans 
So take them off for me 
Show me what you’ve got underneath 
So we can do this properly
Occhiolino 😉
7 commenti
  1. Alan
    Alan dice:

    I would like to find a pair of skinny jeans too! The only problem is that well… …I'm not so skinny. Damn Londoners! They use to have tea eight times a day… and you know that I cannot drink a tea without a properly amount of cookies. Chocolate cookies.Think that I need to go for a sad-salad instead…{ Alan }

    Rispondi
  2. FruFru
    FruFru dice:

    Dev'essere proprio difficile fare gli scoiattoli col pongo…a me vengono bene le lumache, prova! 🙂 :)Certo, andare per negozi è sempre più semplice…Notte e sogni d'oro!

    Rispondi
  3. Ciuffo
    Ciuffo dice:

    Cough cough! Vista la citazione nel post, eccomi qui a commentare anche se con un po' d'ansia per la prima volta ("che novità che tu abbia l'ansia!" dirai 🙂 ). Dirò di più; ho anche interrotto la mia piacevole attività quotidiana (cioè creare animaletti di pongo) per commentare (tra l'altro la lumachina è proprio venuta bene! Penso di avviare al più presto una attività commerciale). Proverò a rispondere alle domande che mi hai fatto (anche se ti avrò risposto già dal vivo!):1)Ho fatto uuuuh perchè l'indian style è venuto proprio bene!2)Sì!3)Lo giuro!4)Mmmm lo giuro sul Ciuffo (e sai che questo può già bastare!)5)No, non vedo rotule, eppoi se sono skinny DEVI essere magro! (ma poi, cosa sono le rotule!?)Bene, direi che questo commento sia venuto anche troppo lungo… Buona Ciuffagiornata!

    Rispondi
  4. DarkAgony
    DarkAgony dice:

    ma poi.. è davvero così importante il giudizio degli altri su qualcosa che indossiamo? Se a te piacciono ed è quello che vuoi indossare, fallo pure, senza problemi 😉

    Rispondi
  5. Amleto
    Amleto dice:

    Anche io compro i jeans dalla Sisley! Abbiamo la stessa taglia, la 29 ovvero la 43 italiana. Beh io non sono così magro, le mie gambe non sono due stecchini. Mia madre non avrebbe riso, ma detto: "Ha preso da me. Quando mi sposai pesavo 42 kg…"! Povera rimpiange i bei tempi, 20 kg fa.Baci ^_^

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Rispondi a Ciuffo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.