Dipendenze

C’è un filo sottilissimo che sostiene tutto il mio peso e mi impedisce di cadere nell’intorpidito oblio amebico di chi sceglie di lasciarsi trasportare dalla marea. Una estremità è attaccata al cielo, l’altra mi punge il collo e mi tiene sospeso in uno stato di confusa e forzata attenzione. Questo filo ha la consistenza del nylon e la fragilità del burro, ma soprattutto ha la dolcezza dello zucchero. Questo filo si chiama caffè, costa 35 centesimi ed è il motivo per cui ancora riesco a sopravvivere. 

Nei giorni scorsi mi sono reso conto che ho diversi vizi da cui dipendo. Chiamarli vizi non mi spaventa; anzi, non nascondo che averne soddisfa la mia insaziabile sete estetica. Dipendere dagli psicoattivi è maledettamente decadente. Forse lo sarebbe anche la nicotina, ma – ahimé – non sopporto l’odore della sigaretta né quello del fumo, senza contare che ingiallisce la punta delle dita, e lascia un alone marcio nei denti e un alito che personalmente preferisco evitare. Invece il caffè se ne va liberando gustosissimi succhi dolciastri, e per una mezz’oretta la bocca si bea nel piacere.

E poi dipendo dalla musica. Non riesco a concludere la giornata senza essermi fatto la mia buona dose di musica. E’ proprio impossibile, provo dolore quasi fisico (e non sto scherzando!) se non soddisfo questo bisogno. E’ un rituale che prevede delle tappe precise. Innanzitutto devo essere da solo, per cui mi barrico nella mia stanza. Ma non basta, perché possibilmente devo esserne il solo fruitore, quindi faccio in modo che le persone con cui convivo (anche chiamate sorella, papà, mamma, nonni) siano nelle stanze più lontane dalla mia – e a questo proposito ho scoperto che Affari Tuoi è un ottimo strumento di distrazione. Dopodiché alzo il volume e entro nel mio trip. Non uso quest’ultima parola a caso, i miei sono veri e propri viaggi in altri mondi: per questo mi servo soprattutto di musica onirico-psichedelica (o almeno che sembri tale). Invece, ultimamente, grazie alla mia consulente musicale di cui esistono ben poche repliche al mondo, ho scoperto di adorare il modo sensualissimo con cui Carmen Consoli strascica le doppie come se fossero una lettera sola. Chiusa parentesi.

Inoltre, non posso fare a meno, ogni tanto, di scrivere. Scrivere scemenze, come questa, o come praticamente ogni altra cosa che sta sul presente blog. O inventare parole nuove e dall’aria intellettuale, vedi il sopracitato (e sicuramente inesistente) “amebico”.

Ci sono dipendenze che non credevo di avere, e da cui nei giorni scorsi mi sono dovuto staccare. Per esempio quella che durante il sonno stabilivo con il mio cuscino. Il nostro era un rapporto simbiotico. Beh, il mio cuscino era il migliore cuscino del mondo, se ne sarebbe innamorato anche un insonne. Però purtroppo è affogato, e il nostro matrimonio è stato spezzato. Ad ogni modo, sono contento che tal divorzio sia avvenuto per il suo annegamento, e non per il mio.


Poiché non vorrei che si dubitasse della mia umanità (di cui io stesso mi interrogo più volte della sua esistenza) taccio su altri vizi – di cui mi dimentico più o meno volutamente – e concludo dicendo che la mia forse più grande dipendenza è quella dell’amicizia. Ma non aggiungo altro, perché non vorrei scadere nella retorica, e soprattutto perché sto coltivando da mesi l’immagine del cattivo ragazzo, e ciò sarebbe controproducente ai miei scopi (e a quelli della polizia, che ormai gioca a freccette con la mia faccia affissa sulle bacheche di tutta la procura). 


P.S. Disclaimer: questo post è stato scritto a causa di un’altra dipendenza che si è sviluppata pochi giorni or sono. Quella della ricerca della normalità. Vengo da un periodo un pochino scombussolato (e umidiccio, aggiungerei con un sorriso) e solo oggi ho deciso di ricercare le situazioni che vivevo prima di Natale. E ho scoperto che forse non sarà così difficile, se mi impegno. Per cui non prendete questo post come l’apoteosi della solennità o della serietà. C’è tanta, nuova ironia, qui dentro. Besos!


5 commenti
  1. Fuci-Lucca
    Fuci-Lucca dice:

    meglio avere qualche vizio che non averne nessuni e poi chiamali vizi..si chiama vivere 🙂 e per esempio la mausica è vivere e scrivere è come immortalare frammenti della propria vita 🙂 un bacio

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Rispondi a Fuci-Lucca Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.