Dancer eye

Forse io non saprò ballare, ma il mio occhio sinistro sì. Urge una parentesi: in realtà non si sa se io sappia ballare, ma la cosa certa è che noi ragazzi furbi (leggasi: rufiani e bisognosi di un corso d’autostima) diciamo di non saperlo fare, in modo tale che, nel caso dovesse capitare l’occasione, abbiamo messo le mani avanti e la probabile/eventuale figuraccia è attutita dal nostro atto di paraculismo estremo. Ad ogni modo, il mondo attualmente non ha grosse banche dati a disposizione sulle mie qualità motorie.
Dicevo che il mio occhio sinistro, invece, sa ballare benissimo. E’ da lunedì che lo fa. Ogni tanto comincia e si mette a tremare. Inizialmente poteva anche essere una cosa simpatica: posavo l’indice sulla palpebra inferiore (se c’è un qualche termine tecnico migliore di “palpebra inferiore” ditemelo perché a me non viene in mente. Comunque ci siamo capiti) e sentivo un formicolio quasi piacevole.
Però non smette! Dopo una settimana, mi secca fare “Uh, mi balla l’occhio!” ogni volta che succede. E’ seccante. Pensavo fosse il nervosismo legato all’esame di Calcolo Numerico. Anzi, sicuramente è così, poiché non ricordo di aver sofferto di più per un esame. Che poi è buffo da dire, perché ogni volta che devo dare un orale sono sempre più stressato. Il nervosismo cresce in maniera esponenziale, direbbe un analista. Anzi, un analista direbbe che il limite per i tendente a infinito della funzione Nervosismo(i) è infinito. Ma a noi non interessa questo, dicevamo dell’occhio.
Dopo aver dato l’esame – passato!, pereppeppeppeppè!, breve parentesi di autocelebrativismo – l’occhio ha continuato a muoversi. Ora, mi hanno tranquillizzato dicendomi che è una cosa normale e che passerà nei prossimi giorni (a meno che io non inizi a usare Tesmed, ma non ne ho l’intenzione, grazie). Ma se dovesse continuare, devo assolutamente pensare a un altro modo per dare un utilizzo a questo tic altrimenti improduttivo.
Avevo in mente le seguenti cose: 1) collegare un micromeccanismo alla palpebra in grado di approfittare del movimento per produrre energia elettrica e riuscire a illuminare i paesini sprovvisti di elettricità, come quelli in Botzwana, o come Arcore; 2) calcolare la funzione che esprime il periodo di traballamento dell’occhio: se esiste, sfruttare tale periodo per creare un nuovo sistema temporale in cui non si usano più i secondi, minuti, ore, ma nuove straordinare unità di misura, come il mio periodo di traballamento del mio occhio sinistro, o l’attimo che intercorre tra due miei starnuti, o la potenza dei miei colpi di tosse.
Beh, vado a prepararmi che tra un pochino devo andare. E quando dico “un pochino” intendo 134 traballamenti d’occhio, 12 starnuti e 4,56 colpi di tosse.

4 commenti
  1. Zeppo
    Zeppo dice:

    L'occhio ti sta abbandonando. Poi non stupirti se ti faccio notare che sull'avatar hai "Pippo". Lo dicono da sempre che a fare quelle cose troppo spesso si diventa ciechi.Ecco perché io ballo benissimo. Shall we dance?

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Rispondi a Valeh Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.