Negalo.

Non leggiamo e scriviamo poesie perché è carino.
Noi leggiamo e scriviamo poesie perché siamo membri della razza umana.
E la razza umana è piena di passione.
Medicina, legge, economia ingegneria sono nobili professioni, necessarie al nostro sostentamento.
Ma la poesia, la bellezza, il romanticismo, l’amore: sono queste le cose che ci tengono in vita.

[ L’Attimo Fuggente ]


3 commenti
  1. Chiara
    Chiara dice:

    Ale. Come stai? Sono felice di vedere che non tieni solo per te questa tua innata bravura del saper comunicare con parole che solo tu sai, emozioni e sensazioni profonde. Sono la tua prima fan e anche se le nostre strade si sono separate (Università diverse anche se nello stesso Ateneo), quando ho bisogno di uscire dalla monotonia, quando ho bisogno di credere che il mondo è ancora fatto di valori tangibili, penso a te, al tuo dono di scrittore, alla tua infinita fantasia e a quanto di bello e indelebile hai lasciato dentro me. Sei uno dei pochissimi amici che ho, uno di quelli che le cose me le ha sempre dette davanti e non dietro, uno di quelli a cui darei la cosa più cara del mondo perchè posso fidarmi. Sembra una vita che non ci vediamo, dallo satre in classe insieme al non vederci per mesi. Sei sempre tu, amico mio.. Ovunque tu sia. Ti voglio bene. Chiara

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Rispondi a Laura Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.