Letterina per Babbo Natale

Caro Babbo Natale,
anche quest’anno è giunto il 24 Dicembre, e io devo ancora scriverti la letterina. Sono sicuro, comunque, che non avrai problemi a riceverla anche se te la mando così in ritardo, perché ti stai facendo anche tu più tecnologico. Ti immagino a controllare la posta sull’Iphone, con le cuffie del lettore mp3 nelle orecchie, e collegato su Facebook a vedere chi ti ha aggiunto come amico.

Caro Babbo Natale,
quest’anno non sono stato tanto buono, per cui non oso chiederti niente per me (beh, se poi vuoi lo stesso portarmi qualcosa, penso tu sappia quel che vorrei). Invece, vorrei consigliarti dei pensierini da fare agli altri, dato che non c’è più l’abitudine di scriverti la letterina e tu tutti gli anni sei in difficoltà su cosa regalare a chi non ti dà delle dritte – ti capisco benissimo, pensa che il regalo del compleanno di Vezio lo abbiamo preso solo la settimana scorsa, e lui compie gli anni a Settembre. Dunque, Babbo Natale, prendi appunti che io comincio.

Vezio.
A Vezio per favore fai in modo che durante le sue guide non capitino le situazioni stradali più incredibili. Il pazzo a 80 all’ora mentre lui faceva l’immissione nella Sarzanese è stato abbastanza traumatico, tanto che ora si sente un miracolato dal Signore per essere sempre vivo. Siccome il ragazzo deve passare l’esame di pratica, sarebbe carino che quel giorno non succedano catastrofi (sai, le solite cose: improvvisi innalzamenti del suolo, comparsa magica di grossi autoveicoli contromano, lampeggiamenti intermittenti dei semafori…).

Laura.
Per l’amor del cielo, Babbo Natale, quella povera figliola gradirebbe una vita sportiva senza interruzioni inutili, e ho detto tutto. Non so, dove stai tu lo vendono l’olio della Madonna? I tuoi folletti sono in grado di costruire uno scudo plutonico iperspaziale? Se proprio non riescono va bene anche una versione moderna del salvavita Beghelli, penso. Insomma pensaci tu.

Luca.
Ecco, qui la cosa è problematica, Babbo. Secondo te in farmacia rieci a trovare un medicinale che tenga a freno gli ormoni? Va bene anche per qualche oretta al giorno, per farlo stare tranquillo. Delle volte non capiamo se ci sia qualche differenza tra lui e Biagio, eccetto il fatto che Biagio abbaia. Pensavo: un castratore chimico temporaneo? Oppure sai cosa sarebbe davvero ganzo? Una specie di telecomando delle pulsioni nervose. Comodo, pratico, semplice!

Elisa P.
Dopo l’esperienza traumatica dell’altro giorno, vorrei regalarle un sacco di bottoni. Tanti, tanti, tanti bottoni. Così tanti che dopo la potrebbero chiamare la Regina dei Bottoni. A parte gli scherzi, dopo che mi ha detto che gli orechini lei se li fa da sola e per farli usa dei bottoni, mi si è aperto un mondo tutto nuovo. Se è possibile fare degli orecchini coi bottoni, allora è possibile tutto: che gli asini volino, che i grilli parlino, che Berlusconi dica una cosa sensata, che Facebook imploda… Questo è il mondo del contrario, il mondo alla rovescia, il mondo dei bottoni! Ed è tutto merito di Elisa, per cui per favore, Babbo Natale, portale questo regalo (insieme a un pizzico di sorrisi, che se li merita).

Sara.
Si sta per ammalare, la sciagurata. Non si può, solo io mi posso ammalare nelle vacanze invernali, nessuno può togliermi questo diritto, mi spetta! Ecco, Babbo Natale, siccome mi ha confessato di non sapere cosa sia l’OKI (lacuna da colmare assolutamente), mettigliene sotto l’albero due o tremila scatole. Fai presto, anche, perché presto parte per l’estremo Nord!

Nicola.
Ecco, se fosse possibile vorrei che tu gli portassi una vita di riserva, perché ne avrà di sicuro bisogno quando si pianterà con la sua “indistruttibile” Clio contro un faggio (facciamo le corna, oddio). Ma la vita è una delle poche cose che non si possono regalare tanto facilmente, bisogna pensare a un regalo di riserva. Uhm, vediamo… Ah, ecco! Babbo Natale, porta a Nicola una damigiana di pazienza. Perché quella che aveva si sta esaurendo – colpa mia, penso.

Valeh.
Clienti con nomi più normali. E clienti con richieste più normali. E non dico altro!

Elvira.
Sì, lei vorrebbe tanto un vestito che appaia decente alla società contemporanea. Ah, no, sono gli studenti che frequentano il suo corso di Analisi che vorrebbero vederla vestita in una maniera accettabile, per una volta. Ma se fai questo regalo a lei, farai anche un regalo ad altre 40 persone. 41 piccioni con una fava, come si suol dire.

Giulia.
E qui ti devo fare un elenchino, Babbo Natale. Un regalo solo, per lei, non basta mica! Allora, per prima cosa un sottobicchiere nuovo, perché quello che aveva rubato al Golden gliel’ha ripreso per sbaglio la cameriera. Un computer per suo papà che sennò le frega sempre il suo quando serve a lei. Una padella da tirare in testa alla Good, ma non posso aggiungere altro perché sarebbe rischiosissimo (e dopo è colpa mia se non le rivolge la parola). Ah, e poi qualcosa da mangiare, perché sennò mi deperisce. E per finire… mmh… sì, ecco: “uno normale“. Credo si dica così.

Mums, papà, Eli, nonni e nonne, zii e zie, cuginetti, parenti vari, quelli che non ho nominato.
Un mondo di bene e di felicità.

Allora, Babbo Natale? Dici che è chiedere troppo?
Io ho sempre sostenuto che chiedere non costi niente. Ma rispondere è cortesia, dice mamma.

Tanti auguri a tutti 🙂
5 commenti
  1. Laura
    Laura dice:

    Ah ah ah!!!! Sei un mito, come ogni anno.. che caro che sei, a pensare a tutti noi.. anche all'Elvira!!!..Chissà se il Buon Babbo mi porterà anche quest'anno l'olio della madonna o se trova qualcos'altro.. ti farò sapere ;)Grazie ancora del pensiero &Buon Natale!!!!!

    Rispondi
  2. Luca
    Luca dice:

    Ale, ti faccio presente che è scientificamente provato che nei maschi single intorno ai 20 anni l'attività degli ormoni raggiunge il suo massimo, noi non ci possiamo fare niente! Certo la castrazione chimica può essere un rimedio, ma sono sicuro che ne esistono altri ben più efficaci, vero ragazze? ;)Discorsi a bischero a parte, un complimento ad Ale per la sua capacità di scrivere cazzate in modo tanto divertente!Auguri di buone feste a te e a tutti i lettori di questo blog!

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Rispondi a Pino Amoruso Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.