Cose per cui vale la pena tirare a campare

L’inverno sta arrivando, e io non mi sono ancora comprato degli scarponcini adeguati.
La vita oltre il piumone mi risulta sempre più difficile, tanto che ho deciso di prendere un fogliaccio e scriverci sopra i piccoli motivi concreti grazie ai quali riusciamo ad alzarci dal letto. Non morire di fame è la prima cosa che ci viene in mente, a noi simpaticoni della domenica, ma io vorrei buttare giù un elenco di cose per cui vale la pena tirare a campare.
la foto allegra di inizio post, benvenuti sul blog

L’ho chiamato proprio così: cose per cui vale la pena tirare a campare. Avrei voluto un titolo più sintetico e magari hashtaggabile, ma #cosepercuivalelapenatirareacampare era un po’ lunghino. Potevo optare per l’acronimo: #cpcvlptac, ma no, sembra un balbuziente pugliese in vena di offenderti.
Oppure c’era il metodo Aviazione. Una mia amica fa la hostess e mi ha detto che il codice identificativo dei membri della crew si compone delle prime quattro lettere del cognome seguite dalle prime due lettere del nome. È stato veramente molto divertente realizzare che il mio nome da stewart è BIANAL. Lasciamo perdere.
Potrei inventarmi una parola. Tipo, pigio a caso lettere sulla tastiera e viene: dengloich. E poi, dato che la useremo tutti quanti, piano piano entrerà nel vocabolario italiano. E io sarò ricordato come Alessandro Bianchi detto Tredici, l’inventore del termine dengloich. Non è male. Allora è deciso, dengloich.
dengloich
anche conosciuto come
cose per cui vale la pena tirare a campare

Uno. Il cwtch, che è una parola gallese che significa: il posto sicuro che ci dà la persona amata. Un abbraccio un po’ speciale, insomma. Ora, non so come facciano i… ehm… i galli a pronunciarlo, ma il mio cwtch è senza dubbio una delle cose per cui vale la pena tirare a campare.
Due. Le mail di Gaia, ovverosia la mia coinquilina pazza che ha deciso di mollare tutto e partire per le Americhe e girarsele facendo autostop e soggiornando grazie al couchsurfing. La cosa per cui vale la pena tirare a campare sono i suoi racconti, che mi portano per un po’ da un’altra parte del mondo, ed è bello.
Tre. I biscotti di mia mamma. Ciao mamma!

(lo so che sei contenta se ti saluto in diretta) (adesso starà facendo vedere questa cosa alle colleghe) (per poi promettersi mentalmente di farmi quintalate di biscotti per premio) (un saluto anche a papà!)

Quattro. Il seguente enunciato: il mio amico Ciccio fa il professore. Insegna Italiano e Storia, come sarà risultato chiaro a tutti quei parenti che durante il cenone di Natale del ’97 lo hanno visto correre per la stanza con in testa la scatola del pandoro gridando SONO ASSURBANIPAL. Ma la cosa per cui vale la pena tirare a campare è che, dopo aver sentito che due suoi alunni si offendevano col termine “frocio”, gli ha fatto cercare quella parola sul dizionario, arrivando a far dire loro che essere gay non è un’offesa.

Cinque. Med Man. Ho una storia con Don Draper più intensa e duratura di quella con svariati miei ex.

Sei.

Sette. Poiché ho osato dire al mio capo che non ero a conoscenza della partita di calcio che si sarebbe tenuta la sera stessa, egli ha pensato di replicare chiedendomi se io a cena parlassi di Proust o declamassi Prévert. È buffo come appaia quasi automatico che se segui il calcio devi essere una capra ignorante, mentre se non lo segui sei chiaramente un intelligentone. La cosa per cui vale la pena tirare a campare è pensare che gli argomenti di cui parlo più spesso a cena non sono Proust e Prévert, ma le drag queen.

Otto. La ricetta del vin brulé, che è semplicissima e molto efficace. Basta seguire quel noto blog culinario che in questa sede chiameremo Verde Rosmarino. Dopo sette visualizzazioni della video-ricetta del vin brulé, mi sono deciso ad andare al mercato. Io in cucina adotto un sistema scientifico: cioè per me non esistono i concetti di “quanto basta” o di “a occhio”. Pertanto poco mi importa se lo speziere sgrana gli occhi quando gli chiedo sedici chiodi di garofano. Il vin brulé, caldo e magnanimo, è venuto precisamente buonissimo, ed è una cosa per cui vale la pena tirare a campare.

Nove.

Dieci. I miei amici amicosi. Questa lista, in realtà, continua, e se davvero ci penso mi accorgo che le cose per cui vale la pena tirare a campare non entrano tutte in un fogliaccio. Solo che non me ne accorgo mai. Come direbbe Kurt Vonnegut (che probabilmente sarebbe stato una drag queen incantevole): non ci faccio caso.

Non ti puoi sedere con noi

Uno dei miei film preferiti è Mean girls, che spero conosciate altrimenti c’è la discreta possibilità che leggiate questo blog senza capirne l’ironia, oppure perché siete mia mamma. A proposito, ciao mamma. 
Mean girls è una delle mie principali fonti di ispirazione, insieme a Paperoga, ai biscotti tarocchi della Lidl e al barbone di Borgo Dora convinto di essere un grande architetto. Potrebbe sembrare un film per ragazzini deficienti, ma col passare del tempo mi sono accorto che la sua brillantezza sfiora la genialità, ed è anche costruito in maniera perfetta dal punto di vista della sceneggiatura che, a proposito, è di Tina Fey, e lo scrivo perché sarebbe bello se si cominciasse ad apprezzare anche il cast tecnico di un film, oltre che gli attori famosi. 
La protagonista di Mean girls è una ragazza (interpretata da una Lindsay Lohan ancora libera di circolare nello Stato americano e pertanto poco interessante ma per fortuna dopo poco ha iniziato a farsi arrestare a intervalli regolari) che si trova a dover frequentare la scuola superiore dopo tanti anni in cui ha vissuto in Africa con i genitori archeologi. Scopre presto che il mondo dei teenager è forse peggio di quello animale. 
Al vertice della giungla sociale ci sono tre stronzette soprannominate “le barbie”, che la nuova arrivata vuole cercare di sabotare. 
Considero Mean girls una specie di Bibbia. Fate conto che farò cominciare il video del mio progetto scolastico finale con un estratto del film. Soprattutto, utilizzo Mean girls per capire cose della vita.

Una cosa accaduta in questi giorni mi ha ricordato di quando, a quindici anni, il giovane controllore di un treno volesse multarmi perché secondo lui le mie scarpe poggiate sul sedile di fronte al mio avrebbero danneggiato irreparabilmente il vagone. Ora, io non sono mai stato un ribelle, se si escludono occasioni in cui sono effettivamente andato contro corrente, come quando leggevo i racconti dell’orrore di Poe in spiaggia o quando mi ostino ad abbinare fragola e cioccolato, il cui connubio nel gelato “è un delitto”, cit. Non si poggiano i piedi sui sedili, è vero, e colgo l’occasione per scusarmi con tutti i sedili del mondo che si possono essere sentiti offesi dal mio gesto, e mi scuso anche con tutti i potenziali culi che si sarebbero potuti sedere su un sedile così compromesso. Ho sbagliato, ho agito sovrappensiero, è vero. Ma bastava dirmi di togliere i piedi. Okay, è successo a me, e sono di parte, naturalmente. Ho sbagliato, ma per certi sbagli non c’è bisogno di una punizione. E in effetti il controllore si è esibito nella sua sfuriata, ma poi ha lasciato perdere.

Mi sono accorto che è successa una cosa simile anche in Mean girls. Regina George si era presentata al tavolo delle barbie in tuta, ed era lunedì. E le barbie non indossano la tuta di lunedì, mai. Gretchen Wieners non può sopportarlo, e istericamente grida a Regina: “Non puoi sederti con noi!”.
Non puoi sederti con noi è il modo con cui io chiamo i momenti in cui qualcuno non riesce a raccogliere un po’ di buon senso per capire che si può sbagliare. E che la reazione deve essere proporzionata.