Due sogni a caso

Ho sognato di essere un gatto di nome Avanzi. Ero in una discoteca per gatti gay e c’era un enorme gomitolo che penzolava dal soffitto – immagino fosse l’equivalente per gatti che il mio subconscio utilizza come mirror ball. Le canzoni erano diversi tipi di miagolii remixati in chiave techno house e tutti i felini presenti si comportavano in maniera molto schiva, come effettivamente farebbe un qualsiasi gatto gay o anche solo un gatto o anche solo un gay, muovendo la testa a tempo in maniera tenera. A un certo punto entravano i miei amici gatti gay dicendo: “Cerchiamo Avanzi” e qui mi sono svegliato perché ho riso forte.
Accludo immagine di gatto.
Ho sognato che Ania diventava una famosa scrittrice parlando male della mia famiglia. Ania è una ragazza di Chernobyl che mia nonna ha ospitato per qualche estate, ormai venti anni fa. All’interno del mio mondo onirico, scoprivo che è diventata famosa in Russia sostenendo nella sua autobiografia che mia nonna fosse una strega chiamata Gabriella e io un viziato, entrambe affermazioni falsissime dal momento che mia nonna si chiama Irene. Il libro è stato poi pubblicato in Italia da Adelphi, che lo ha fatto uscire con una copertina azzurra e una criptica immagine di una matrioska, oggetto delizioso che peraltro Ania ci ha regalato davvero.
Accludo immagine di atleta russa.

L’interpretazione migliore vince una crocchetta.
1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *